Domenica 24 marzo il 53.58% degli elettori lucani si è recato alle urne per votare il nuovo presidente della Regione Basilicata: dopo 24 anni di governo consecutivi il centrosinistra ha ceduto il posto ai suoi avversari, incassando un'altra sconfitta elettorale dopo quella di Abruzzo e Sardegna. Il M5S resta comunque il partito più votato.

Il centrodestra trainato dalla Lega vince in Basilicata

Il nuovo governatore della Basilicata è Vito Bardi del centrodestra, che ha vinto con il 42,20% dei voti, seguito da Carlo Trerotola del centrosinistra con il 33,11% a seguire Antonio Mattia del M5S con il 20,32%.

Il centrodestra si è presentato alle elezioni regionali 2019 con una coalizione formata da cinque partiti: Basilicata Positiva (3,97%), Forza Italia (9,14%), Fratelli d'Italia (5,91%), Idea (4,18%) e Lega (19,15%).

Il centrosinistra è andato al voto con una coalizione di otto partiti: Avanti Basilicata (8,63%), Comunità emocratiche (7,75%), Lista Trerotola (3,30%), Partito Socialista (3,77%), Progressisti Basilicata (4,46%) e Verdi (1,90%). Invece il Movimento 5 Stelle da solo ha ottenuto il 20,32% di consensi, mentre Valerio Tramutoli con Basilicata Possibile il 4,37%.

Il M5S primo partito in Basilicata

Alle elezioni regionali 2019 in Basilicata ha dunque vinto il centrodestra trainato dalla Lega. C'è da notare che le coalizioni contano molto, ma se i partiti venissero presi singolarmente la classifica verrebbe ribaltata, con il Movimento 5 Stelle in testa. Difatti la Lega ha ottenuto il 19,15% di voti, mentre i grillini il 20,32%. Al centrodestra sono stati assegnati dodici seggi (sei la Lega), al centrosinistra quattro seggi, al Movimento 5 Stelle sono andati tre seggi: un risultato soddisfacente se paragonato alle regionali del 2013 quando ottenne il 19,13% delle preferenze.

I pentastellati nelle regionali non hanno mai brillato, mentre il centrosinistra negli ultimi due anni ha perso cinque regioni che sono passate al centrodestra, Abruzzo, Basilicata, Sardegna, Molise e Friuli Venezia Giulia, più la provincia di Trento. I prossimi appuntamenti riguarderanno le elezioni regionali in Piemonte, dove la TAV sarà al centro dei dibattiti politici. Il governatore del PD Chiamparino che ha scelto di ricandidarsi, vuole proseguire i lavori della Torino-Lione, un'opera sostenuta anche da Lega e Forza Italia, ma osteggiata dal M5S.

Si voterà il 26 maggio in concomitanza con le Elezioni Europee.

Segui la pagina Matteo Salvini
Segui
Segui la pagina M5S
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!