Roberto Calderoli è un politico della Lega ormai sulla scena da tanti anni e in molti lo ricordano per i suoi toni spesso al di sopra delle righe e per le polemiche innescate da concetti che appartengono ad un partito che, nel corso del tempo, ha un po' cambiato la radice del suo pensiero grazie all'avvento di Matteo Salvini e al desiderio di abbracciare un progetto che, adesso, coinvolge anche il Sud.

Pubblicità
Pubblicità

Calderoli oggi è il vicepresidente del Senato, ma è anche una persona che ha una storia di sofferenza e resistenza da raccontare. E' quanto si evince dalla sua stessa rivelazione fatta in aula, nel giorno in cui tra le discussioni in atto c'era quella relativa ad aspetti legati a malattie oncologiche. Per una volta, perciò, dal Parlamento viene veicolato un messaggio di solidarietà umana, in cui vengono annullate le divergenze d'opinione e l'appartenenza a schieramenti diversi.

Pubblicità

Calderoli fa outing sulla malattia

In Senato è stato un giorno particolare perché si discute di mozioni per fronteggiare le malattie oncologiche. Un discorso che, naturalmente, ha uno scopo comune bi-partisan, considerazione che trae ancor più fondamento in base a quanto accade in maniera quasi casuale. A presiedere la seduta, infatti, c'è Roberto Calderoli. Una persona che sull'argomento ha una sensibilità particolare e non solo perché svolge la professione di medico.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Salute Lega Nord

A rivelare il motivo è lui stesso: dopo l'approvazione dell'ordine del giorno e il conseguente annuncio accompagnato all'applauso dell'aula è lui stesso a prendere la parola. "E il caso ha voluto - ha evidenziato Calderoli - che a presiedere la seduta sia stata una persona che il cancro l'ha avuto e da sei anni e mezzo sta combattendo".

Un lungo applauso bi-partisan per Calderoli

Le parole pronunciate da Calderoli non lasciano indifferenti molti dei senatori presenti in aula.

Indipendentemente dall'appartenenza politica si nota qualcuno che si alza in piedi e quasi tutti ad applaudire. Calderoli vorrebbe passare al successivo ordine del giorno, ma l'onda d'affetto proveniente dai colleghi non gli consente di proseguire nel suo intento. A quel punto il politico leghista sceglie di tornare sull'argomento a lancia un ulteriore messaggio: "Vi ringrazio, ma questo è un applauso non gradito, non lo auguro a nessuno.

Pubblicità

Però vuol dire che, toccando ferro, si può anche guarire". Ecco il video tratto dal canale Youtube Vista Agenzia Televisiva Nazionale:

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto