Annuncio
Annuncio

Il mattatore della scena politica italiana è senza dubbio Matteo Salvini ed il suo avvento al timone della Lega ha reso il Carroccio un movimento molto più forte sul fronte dei consensi. Merito di un lavoro praticamente incessante in mezzo alla gente, anche e soprattutto sui social network. Quella del ministro dell'Interno è una figura molto discussa, ma risulta oggettivo il fatto che sia stato in grado di far penetrare il suo partito persino in quel sud che, fino a poco tempo fa, vedeva in Umberto Bossi ed in tutta la vecchia guardia leghista degli acerrimi nemici sul fronte politico. Oggi, invece, sono diverse le zone del meridione d'Italia dove il Carroccio riesce a far breccia e mira a crescere, ma c'è chi non dimentica il rapporto complesso del passato.

Annuncio

E la testimonianza arriva direttamente da Ischia dove un contestatore ha interrotto un meeting leghista, volendo dimostrare di non avere la memoria corta.

Nelle scorse ore Bussetti aveva riacceso qualche dissapore

Fa effetto che la testimonianza video proveniente da Ischia diventi virale poche ore dopo una discussa uscita del ministro dell'Istruzione Bussetti. Con riferimento alle difficoltà della scuola in meridione aveva sottolineato che non sarebbero state impiegate più risorse, richiedendo un maggiore impegno e lavoro a quanti operano nel sistema didattico del Mezzogiorno. Le polemiche sono divampate e hanno riacceso vecchi dissapori da parte di chi, nel meridione del Paese, non riesce a trovare riferimenti in un ministro che fa capo alla Lega.

Annuncio

Il fatto di Ischia si verifica nell'ambito di un meeting organizzato dal Caroccio e in cui prende la parola una persona che non sembra avere in particolare simpatia nei confronti del partito "verde", ricordando quali fossero i rapporti tra il Sud e il movimento oggi capeggiato da Matteo Salvini.

Il manifestante ricorda gli insulti del passato

"Vi vestite da poliziotti e non siete altro che persone che devono restituire 49 milioni di euro". La risposta che si ascolta da un voce fuori campo è netta: "Torna a casa". Ma il protagonsita non si intimorisce: "Vi state mettendo dietro una bandiera di trent'anni di insulti al Sud Italia. Non basta la scusa di un fantomatico premier che fa un'operazione amicizia".

Annuncio

A quel punto attacca personalmente il suo interlocutore prima di sottolineare come oggi ci sia il rischio che il Sud torni ad essere messo al servizio di altri e che all'orizzonte, da parte della Lega, ci siano intenzioni politiche che mirano all'autonomia di alcune zone dell'opulento Nord.

Ecco il video virale diffuso da Ischia Press, attraverso la sua pagina Facebook: