Romano Prodi resta uno degli storici leader del centro-sinistra italiano. Il suo ruolo operativo è ormai terminato, ma la sua opinione continua a creare dibattiti. Dal palco de "La Repubblica delle idee", che ha avuto luogo a Bologna, si è soffermato sullo scenario della politica italiana, fornendo idee abbastanza interessanti, seppur caratterizzate dall'essere comunque provenienti da una fonte di parte. Ad intervistarlo è stato il direttore de "L'Espresso" Marco Damilano. I temi trattati sono stati molteplici, sebbene i focus maggiormente degni di nota siano stati quelli che hanno riguardato l'attuale situazione economia dell'Italia e il momento caratterizzato dall'escalation, apparentemente difficile da arginare, della Lega e di Matteo Salvini.

La ricetta giusta per l'Italia sarebbe una coalizione riformista

È un Romano Prodi che, nonostante si avvicini a compiere ottant'anni, mantiene grande brio nelle conversazioni e nell'esposizione dei concetti politici. Nella sua testa ha ben chiaro ciò che servirebbe ad un'Italia che, secondo il suo pensiero, deve fare i conti con problemi importanti. A suo avviso, infatti, servirebbe una coalizione riformista in grado di mettere a posto il Paese, come è già avvenuto in momenti più difficili. Il cammino potrebbe risultare più facile grazie a quella che, secondo Prodi, rischia di essere una fisiologica caduta di Matteo Salvini.

Ritiene che il Ministro abbia dei problemi, che nascono dall'aver tenuto "una velocità eccessiva". "Credo - rivela Prodi - che sia finita la sua parola ascendente, perché ha di fronte un problema gravissimo".

Prodi vede due problemi per Salvini: in Italia ed in Europa

Per Prodi Salvini avrà due brutte gatte da pelare. La prima riguarda la legge di bilancio per il 2020, considerato che, a suo avviso, i nodi arriveranno al pettine tra settembre ed ottobre."Ci arrivano - evidenzia il professore - senza fiato, né benzina nel motore.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Matteo Salvini M5S

La nostra situazione è drammatica, al di là di ogni immaginazione, il debito cresce sempre di più, le previsioni arrivano al 135% tra debito e Pil".

Il numero uno della Lega potrebbe dover fare i conti con una situazione spinosa anche in seno al Parlamento Europeo e Prodi sembra averne ben chiari i motivi. Il primo riguarda un concetto di base, ossia che i sovranisti non potranno mai contare a livello europeo e non saranno mai in grado di trovare una maggioranza. "Il problema - evidenzia Prodi - è l'Italia; oltre a essere isolato, questo governo ha insultato i dirigenti europei e provocato i leader".

Parole dunque che fanno segnare un certo allarmismo rispetto alla situazione italiana secondo Romano Prodi.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto