Il fenomeno delle sardine in piazza contro Matteo Salvini non accenna ad arrestarsi. Domenica prossima, 24 novembre, i pesci azzurri si trasferiranno a Rimini per protestare contro la presenza del leader della Lega nella città romagnola. Lo annuncia uno dei fondatori del movimento, Mattia Santori, durante la trasmissione di La7 DiMartedì. A discutere con il giovane attivista nella puntata di martedì 19, il conduttore Giovanni Floris ha chiamato Alessandro Sallusti e Pietro Senaldi, rispettivamente direttori de Il Giornale e Libero, quotidiani notoriamente ‘amici’ del capitano leghista.

La discussione tra i tre è stata nel complesso pacata, ma la giovane sardina a tratti ha mostrato un tono di sfida nei confronti dei suoi interlocutori più maturi. Atteggiamento che gli è costato una bacchettata da parte di Sallusti. “Che Salvini sia il male assoluto lasciatelo dire ai grandi”, ha chiosato il giornalista. Intanto, proprio il numero uno del Carroccio è partito al contrattacco sbancando i social con l’hashtag #gattiniconSalvini.

Scontro Sallusti-sardina a DiMartedì

“Vedere dei ragazzi in piazza con dei leader così giovani sono cose che fanno sempre piacere allo spirito - commenta Alessandro Sallusti il fenomeno delle sardine - una cosa che assomiglia al ‘vogliamoci bene’ di Greta Thunberg.

Per ammissione stessa di uno dei fondatori non c’è un progetto politico - ecco però immediata la critica mossa in diretta a DiMartedì - quindi, lo avevamo già visto alcuni anni fa ai tempi dei girotondi. I giovani che non credono che Salvini possa o debba governare una Regione o un Paese fanno bene a fare quello che fanno loro. Io non penso però che rappresentino i giovani di tutta Italia come in questo momento qualcuno ci vuole far credere”. Poi Sallusti si rivolge direttamente a Mattia Santori: “Se tu vedi in Salvini e nella sua Politica il male assoluto, ti dico che io vivo e lavoro in Lombardia, che è una Regione guidata dal centrodestra da anni, non c’è la guerra civile, non ci sono i prigionieri politici, la gente vive serenamente.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Politica Matteo Salvini

Mi risulta che Regione e Comune, governato dalla sinistra, dialoghino tranquillamente. Attenzione ragazzi a credere che Salvini sia il male assoluto, quello lasciatelo dire ai grandi”.

Senaldi contro Mattia Santori: ‘La piazza delle sardine mi ricorda quella grillina’

Ma il leader delle sardine si dimostra battagliero e spigliato, provando a rispondere colpo su colpo agli affondi dei due esperti giornalisti. “A quel punto interviene Pietro Senaldi. “Non mi stupisco che a Bologna e a Modena ci siano migliaia di persone che scendono in piazza contro Salvini.

Saranno 20 milioni le persone che lo detestano in Italia - sottolinea il direttore di Libero - però la piazza delle sardine a me ricorda un po’ quella grillina. Nel senso che anche loro avevano un progetto contro la casta, mentre le sardine solo contro Salvini. Però - conclude Senaldi - quando il M5S è uscito dalla piazza per andare in parlamento, direi che l’Italia non ne ha beneficiato a causa del loro vuoto di pensiero che mi sembra alla fine, tutto sommato, di ritrovare anche nella piazza delle sardine”.

Novità video - Modena, migliaia di sardine contro Salvini
Clicca per vedere

La risposta della sardina è piccata. “Salvini ha detto ‘Basta Pd, liberiamo l’Emilia-Romagna’ - accusa Mattia Santori - ma poi ha riempito il PalaDozza di Bologna solo con 3-4mila persone venute in pullman da Lombardia, Veneto e Trentino. Secondo me ha sbagliato lo stile. Senaldi sbaglia quando continua a dire, e lo fa spesso, che l’Emilia è una cosa e la Romagna un’altra. Domenica prossima saremo a Rimini, venga anche lui”.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto