Intervistato dal Corriere della Sera, Pippo Baudo ha parlato innanzitutto del mondo della spettacolo. Ha affermato che non ama molto la televisione di oggi, sottolineando che mancano volti nuovi interessanti.

Ha risposto anche ad alcune domande di Politica, dicendo che rimpiange la Democrazia cristiana. Per quanto riguarda il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, lo reputa un "furbissimo avvocato di provincia".

Pippo Baudo: 'La televisione in questi giorni è inguardabile'

Pippo Baudo al Corriere della Sera ha analizzato la realtà televisiva attuale, definendola "inguardabile". "Tutto già visto, solo repliche", ha commentato il conduttore.

A suo parere, gli effetti dell'emergenza nuovo coronavirus sulla programmazione sono relativi: "La tv estiva è sempre stata così - ha sottolineato - è una cosa che ho rimproverato sempre alla Rai". Ha proseguito dicendo che se è giustificato che le reti commerciali a partire da maggio riducano la qualità della proposta perché sono gratuite, questo ragionamento invece non è valido per la tv di Stato: "Il telespettatore paga il canone per tutto l'anno e non per nove mesi".

La televisione ha bisogno di volti nuovi, ma Baudo ha detto che all'orizzonte non vede nessun personaggio emergente. Manca un ricambio tra i soliti noti. Sul prossimo Festival di Sanremo ha premiato la scelta di confermare Amadeus che considera bravo e disinvolto, e soprattutto si è meritato il bis alla guida della kermesse canora dopo il successo che ha ottenuto quest'anno: "Sarebbe stata una pazzia cambiare".

Baudo rimpiange la Democrazia cristiana

Pippo Baudo ha commentato anche la situazione politica di oggi. Nel corso dell'intervista ha rivelato di essere un nostalgico della Democrazia cristiana: "Sono ancora democristiano doc". Il conduttore siciliano ritiene che la Dc sia "la grande assente" nel panorama politico italiano.

Al contrario, se il partito centrista fosse riuscito a rinnovarsi, in questo periodo avrebbe avuto ottime possibilità di essere al governo. Il mondo politico attuale, dunque, non sembra soddisfarlo.

Il giudizio su Giuseppe Conte

"Oggi la politica è molto confusa", ha sentenziato Baudo. Su Giuseppe Conte ha dichiarato: "È furbissimo, non è stato eletto da nessuno ma comanda e se li porta tutti a spasso che è un piacere".

Infine lo storico presentatore del Festival di Sanremo ha aggiunto: "Da collega, visto che sono laureato pure io in giurisprudenza, lo trovo un furbissimo avvocato di provincia".

Segui la pagina Politica
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!