Dal 1° luglio si va avanti con gli interventi pensati per favorire la Fase 3 dell'emergenza coronavirus. Via libera, quindi, all'estensione del superbonus, al bonus vacanze fino a 500 euro, alla stretta sui contanti e all'aumento nelle buste paga dei dipendenti.

Il superbonus sale al 110% e comprende seconde case, villette a schiera e Terzo settore

In questi ultimi giorni il Parlamento ha continuato a lavorare alla modifica del decreto Rilancio per favorire la Fase 3 dell'emergenza in corso. Secondo le previsioni della commissione Bilancio della Camera, i lavori si chiuderanno presumibilmente entro giovedì, quando il testo passerà in Aula e poi all'esame del Senato.

Tra i nuovi interventi spicca l'allargamento al 110% del superbonus, vale a dire lo sconto fiscale per la riqualificazione energetica, che arriva così a comprendere incentivi e sgravi anche per seconde case, villette a schiera e Terzo settore.

Le novità riguardanti il superbonus comprendono, inoltre, l'estensione fino al 30 giugno 2022 per gli interventi di efficienza energetica, riguardanti le case di edilizia popolare e maggiori possibilità non solo per chi decide di rendere più efficiente un'abitazione esistente, ma anche per coloro che scelgono di demolire e ricostruire una proprietà.

Restano, invece, escluse dal superbonus proprietà signorili, come abitazioni lussuose, ville e castelli. A questo proposito, Confedilizia si dice parzialmente soddisfatta in quanto, così facendo, alcune categorie di abitazione vengono impropriamente considerate di lusso e quindi escluse.

Bonus vacanze fino a 500 euro

Come già anticipato all'inizio della Fase 3, dal 1° luglio è finalmente possibile usufruire del bonus vacanze da spendere nelle strutture ricettive italiane. Le famiglie con Isee inferiore a 40 mila euro possono infatti chiedere un bonus fino a 500 euro per trascorrere le proprie vacanze in alberghi, bed and breakfast o campeggi in Italia.

I nuclei famigliari beneficiari del bonus potranno quindi godere di uno sconto immediato da parte della struttura ricettiva prescelta pari all'80% dell'importo, mentre il restante 20% sarà recuperato come detrazione dalla prossima dichiarazione dei redditi. Per beneficiare del bonus vacanze occorre scaricare l'app IO per i servizi pubblici, accessibile tramite Spid o carta d'identità digitale, così da ricevere in cambio un QR code da presentare alle strutture che aderiscono all'iniziativa.

Quali sono gli altri interventi pensati per la Fase 3

Tra le altre misure pensate per la Fase 3 non manca neppure il nuovo tetto di 2 mila euro per l'uso dei contanti, precedentemente fissato a 3 mila e destinato a diventare di soli mille euro a partire da gennaio 2022. Allo stesso tempo, per limitare la circolazione dei contanti, procede anche l'avanzata dei mezzi di pagamento digitali, che fa leva sul credito d’imposta del 30% sulle commissioni pagate da commercianti che accettano bancomat, carte di credito o altri strumenti elettronici.

Sempre dal 1° luglio, chi è dipendente riceverà, inoltre, un aumento in busta paga fino a 100 euro in più al mese. Per chi in precedenza già beneficiava del bonus Renzi, l'incentivo passa da 80 a 100 euro al mese, anche in caso di redditi compresi tra 24 e 28 mila euro.

Entro fine anno, dovrebbe poi arrivare il riordino delle misure a sostegno della famiglia, in primis quelle relative all'assegno per il nucleo famigliare, oggi destinato soltanto ai lavoratori dipendenti. L'ipotesi è quella di sostituirlo con un assegno universale, rivolto a un pubblico più ampio, comprendente anche i lavoratori autonomi.

Segui la pagina Affari E Finanza
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!