A partire dalla giornata odierna, martedì 24 maggio 2016, l’Esercito Italiano presidierà Ostia (X Municipio) fino al termine della stagione estiva. È quello che prevede l’attuazione del piano sicurezza di Roma Capitale in vista dell’estate. Sul litorale romano affluiranno, infatti, nella stagione più calda, un numero consistente di turisti e di romani in vacanza.

Problemi sicurezza Ostia

Da qualche anno a questa parte, numerosi gli episodi di violenza verificatisi, nel corso della stagione estiva, sul litorale romano. Risale al 1 agosto 2015 il sequestro di persona ed il conseguente stupro ad una turista polacca in vacanza ad Ostia da parte di due romeni.

Per di più, troppo spesso – negli anni passati – si sono verificati episodi di furti e minacce nei lidi a gestione privata a danno dei bagnanti. Al fine di garantire una maggiore sicurezza, dunque, è stato necessario richiedere l’intervento dell’esercito attraverso l’Operazione Strade Sicure.

Sicurezza Roma, operazione Strade Sicure ad Ostia

Questa fase del piano sicurezza è nota sotto il nome di Operazione strade sicure, introdotta – nel 2008 – dal governo Berlusconi IV e che prevede l’utilizzo dell’esercito per contrastare la criminalità dilagante nelle grandi città italiane. Ad Ostia (X Municipio), per garantire la sicurezza dei residenti, dei turisti e dei romani in vacanza, gli uomini dell’esercito saranno affiancati dalla Polizia di Stato, dalla Polizia municipale di Roma Capitale, dalla Guardia di Finanza e dall’arma dei Carabinieri.

I migliori video del giorno

Il servizio offerto dalle suddette forze dell’ordine riguarderà i cosiddetti hotspot, ossia i centri nevralgici ritenuti maggiormente a rischio. Tra di essi, rientrano tutte le stazioni della linea Roma-Lido, il tempio ebraico sito in via Oletta, tutta la parte di Ostia Antica ed, infine, le spiagge maggiormente frequentate. Già nelle primissime ore della mattinata una pattuglia dell’esercito ha avuto il suo da fare: un passante ha segnalato la presenza di un uomo minaccioso con un grosso coltello. A seguito dell’indicazione, i soldati si sono recati sul posto, braccando l’uomo e mettendolo in stato di fermo.

AUMENTARE PRESIDI SUL TERRITORIO PER TUTELARE LA PUBBLICA SICUREZZA

La sicurezza è una prerogativa del Governo, ma anche un Sindaco può fare molto per rendere sicura la città. A cominciare dal presidio del territorio. Bisogna farlo combattendo il degrado, il caos, imponendo a tutti il rispetto delle regole, ma anche avendo chiaro che è fallito il modello di integrazione “multiculturale”. Rispettare qualcuno non significa consentirgli di fare ciò che vuole e vivere al di sopra delle nostre leggi. Roma ha un problema di illegalità diffusa, grande e piccola, che deve essere fermato.Tanti fenomeni concorrono a rendere insicuri i romani. Dalla microcriminalità allo spaccio diffuso, dal bivacco per le strade agli insediamenti abusivi, dall’accattonaggio all’abusivismo commerciale. Le leggi che governano l’Italia, e Roma, vanno rispettate e devono essere applicate, senza mai far finta di nulla o girarsi dall’altra parte.

 

Ostia, domenica scorsa tutti al mare

La messa in sicurezza di Ostia, con la costante presenza dell’esercito, è stata leggermente anticipata rispetto ai tempi previsti.

Nella giornata di domenica 22 maggio, infatti, la gente ha approfittato della giornata di sole e dei 27 gradi di temperatura per catapultarsi sulle spiagge del litorale. I bagnanti non si sono lasciati intimidire neppure nel primo pomeriggio, quando è piombata sul cielo qualche nuvola minacciosa.

Vuoi restare su tutte le notizie del litorale romano? Clicca il tasto 'Segui' in alto, accanto al mio nome. #Cronaca Roma