La psoriasi è una malattia infiammatoria cronica di tipo immunitario che colpisce il 2-3% della popolazione, se ne contano due milioni di persone solo in Italia. E’ caratterizzata da lesioni dell’epidermide più o meno estese, dovute a proliferazione eccessiva di cheratinociti e infiltrazione di cellule infiammatorie.

E’ stato scoperto che i soggetti affetti da psoriasi hanno una carenza di vitamina D nel sangue; hanno, inoltre, un maggiore rischio di contrarre diabete di tipo 2, ipertensione e obesità.

Pubblicità
Pubblicità

I ricercatori del Dipartimento di Medicina Clinica e Chirurgia, dell’Università Federico II di Napoli, hanno osservato che, anche se l’epidermide è la sorgente naturale della sintesi di vitamina D sotto l’azione del sole (raggi ultravioletti UVB), la supplementazione orale di vitamina D è in grado di ridurre in maniera significativa il punteggio PASI (indice di severità della psoriasi) e di prevenire le malattie correlate.

Pubblicità

Oltre a salvaguardare l’integrità del sistema scheletrico, mediante regolazione dell’omeostasi calcio-fosforo, la vitamina è coinvolta nella proliferazione e maturazione dei cheratinociti e nei meccanismi immunitari e di infiammazione; pertanto dovrebbe essere monitorata e integrata se necessario.

Il lavoro è stato pubblicato nel febbraio 2017 sulla rivista Reviews in Endocrine and Metabolic Disorders.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Salute Scienza

Vitamina D, linee guida

Il livello di vitamina nell’organismo è la somma di quella sintetizzata nella pelle, dopo l’esposizione al sole, con quella assunta tramite l’alimentazione. L’ergocalciferolo (vit. D2) si trova in quantità minima nella frutta e negli ortaggi, come ad esempio i funghi; il colecalciferolo (vit.D3) è elevato nei pesci grassi (salmone, olio e fegato di pesce, sgombro, persico, trota, aringa) e tuorlo d’uovo.

Una delle più promettenti strategie per raggiungere dosaggi ottimali (30 ng/mL) è il consumo di alimenti fortificati con vitamina D3 (latte, formaggi, succo d’arancia e cereali).

Per mantenere una buona funzione ossea e muscolare sono state emesse linee guida, da diverse società di controllo: l’Endocrine Society suggerisce un’assunzione giornaliera di vitamina D, per adulti tra i 19 e 50 anni, di 1500-2000 IU; l’International Osteoporis Foundation, di 800-1000 IU in adulti di età maggiore ai 60 anni; l’EFSA (European Food and Safety Authority) consiglia un massimo di 4000 IU al giorno, anche in donne in gravidanza e allattamento. I dosaggi nel sangue vanno misurati dopo 2 o 3 mesi di trattamento, per controllare se i valori si sono normalizzati.

Pubblicità

Psoriasi e malattie correlate

L’eziologia della psoriasi è dovuta a fattori autoimmuni, genetici, ormonali e psicosomatici; l’infiammazione colpisce soprattutto la pelle, ma anche altri organi.

Negli studi clinici è emerso che uno dei fattori di rischio di insorgenza della psoriasi è l’obesità viscerale; ma anche, viceversa, la psoriasi può portare all’obesità. Entrambe sono condizioni proinfiammatorie, che favoriscono il diabete di tipo 2 e le malattie cardiovascolari.

Sia nei soggetti con psoriasi che in quelli obesi è stata riscontrata un’insufficienza di vitamina D; questa è liposolubile e viene sequestrata, rispettivamente, nelle lesioni della pelle e nel tessuto adiposo.

Pubblicità

Si innesca, quindi, un circolo vizioso tra insufficienza di vitamina D, psoriasi e obesità con effetti negativi, aggiuntivi, di rischio cardiometabolico.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto