Il fenomenale aumento del #diabete di tipo 2 negli ultimi decenni ha ispirato una corsa a trovare farmaci che potrebbero trattare la condizione, così come ci sono tentativi di affrontare le cause scatenanti. L'idea che la stimolazione di un nervo potrebbe risolvere il problema sembra quasi troppo bella per essere vera, tuttavia la tecnica sembra funzionare nei ratti, incoraggiando la speranza che lo stesso possa essere vero per gli umani. Il nervo in questione è il nervo sinusale carotideo, un nervo relativamente piccolo e oscuro nel collo che si collega al nervo vago.

Il diabete di tipo 2 si verifica quando il corpo non riesce a produrre abbastanza insulina per regolare il consumo di zucchero, o mostra una diminuzione della risposta all'insulina nei muscoli e nel fegato.

Il diabete è [VIDEO] stato visto come un malfunzionamento nel pancreas, dove viene prodotta l'insulina, o nelle parti del corpo in cui l'ormone fa il suo lavoro. Tuttavia, nel 2013 la dott.ssa Silvia Vilares Conde della CEDOC-NOVA Medical School in Portogallo ha dimostrato che il corpo carotideo, solitamente considerato un sensore di ossigeno, ha anche il ruolo di regolare la sensibilità all'insulina nelle regioni periferiche del corpo. Qualsiasi malfunzionamento contribuisce al diabete. Il nervo sinusale carotideo, che si collega al corpo carotideo, è iperattivo negli animali con diabete di tipo 2.

Il rimedio permanente

Conde ha dimostrato che recidere il nervo del seno carotideo nei ratti diabetici, e quindi scollegare il corpo carotideo dal cervello, ripristina la sensibilità all'insulina e la tolleranza al glucosio; tuttavia, questa è un'azione piuttosto drastica.

Non solo è irreversibile, ma le conseguenze possono essere gravi. Il nervo aiuta il corpo a riconoscere una carenza di ossigeno e innesca una respirazione più rapida come risposta. Senza di esso, l'esercizio potrebbe diventare pericoloso in quanto potremmo non riuscire a respirare l'aria di cui abbiamo bisogno.

Il rimedio reversibile

Un approccio meno permanente invece consiste nell'applicare degli elettrodi per modulare l'attività del nervo. Quando Conde ha provato, ha osservato non solo una diminuzione dei sintomi del diabete di tipo 2 nei ratti, senza gravi effetti collaterali, ma anche che il processo era reversibile quando la stimolazione cessava. "Questo lavoro apre le porte allo sviluppo di una nuova terapia per il diabete di tipo 2 [VIDEO] che fornirà una gestione a lungo termine della #malattia con effetti collaterali trascurabili", ha affermato la dottoressa in una nota.

Alle frequenze più basse, anche mentre la modulazione stava avvenendo, i ratti trattati in questo modo aumentavano la loro frequenza respiratoria durante l'esercizio, a differenza di quelli il cui nervo era stato reciso.

Tuttavia, oltre i 50 kHz i tassi di respirazione non aumentavano durante l'esercizio, indicando che qualsiasi trattamento avrebbe bisogno di usare frequenze attentamente calibrate per prevenire l'esaurimento di ossigeno. #Benessere