La pratica di alternare ore di digiuno ad alimentazione (digiuno intermittente) nella giornata, sta diventando sempre di più una strategia terapeutica efficace per contrastare l’obesità e ridurre l’incidenza di ictus e diabete.

I ricercatori del Pennington Biomedical Research Center di Los Angeles hanno valutato, in soggetti prediabetici, gli effetti di un’alimentazione concentrata in 6 ore, ossia con colazione, pranzo e cena entro le ore 15, in confronto ad una dieta composta da 3 pasti consumati in 12 ore.

Pubblicità
Pubblicità

Entrambe le diete avevano lo stesso apporto calorico (non ipocalorico) e una durata di 5 settimane.

L’efficacia dei due metodi è stata esaminata su parametri metabolici, pressori, infiammatori e di sazietà.

I dati sono stati significativamente a vantaggio dell’alimentazione distribuita in 6 ore piuttosto che in 12, in termini di maggiore insulino sensibilità e minori pressione sanguigna, stress ossidativo e appetito.

Pubblicità

Il digiuno intermittente si è dimostrato piuttosto pratico da sostenere, non ha necessitato di riduzione di calorie e ha aumentato la sensazione di pienezza alla sera.

Il lavoro è stato pubblicato sulla rivista Cell Metabolism, nel maggio 2018.

Digiuno intermittente

I primi studi clinici sul digiuno intermittente risalgono a 10 anni fa. Ad oggi se ne conoscono diversi: a giorni alterni, mima digiuno, di 16 ore al giorno.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Salute

I risultati finora hanno sempre rivelato benefici simili: dimagrimento, maggiore insulino sensibilità, miglioramento del profilo lipidico e diminuzione dei livelli di glucosio, insulina, pressione sanguigna, marker di infiammazione e stress ossidativo.

Le ricerche hanno anche constatato che mangiare in allineamento con i ritmi circadiani, riducendo gli alimenti alla cena, favorisce il controllo glicemico, la perdita di peso, i livelli lipidici e la fame.

Ciò avviene perché il sistema circadiano sovraregola il metabolismo glucidico, lipidico ed energetico in alcune ore della giornata, mentre sottoregola il metabolismo in altre: l’insulino sensibilità, la risposta cellulare e l’effetto termico degli alimenti sono più alti, infatti, durante il giorno piuttosto che la sera.

La combinazione di due strategie (digiuno e assunzione dei pasti secondo i ritmi circadiani) risulta, pertanto, vincente.

Pubblicità

Studio clinico

Lo studio è stato randomizzato e controllato su partecipanti di età 56±9 anni, BMI 32±4 kg/m2 (sovrappeso-obesi), con glucosio e insulina basale, rispettivamente di 102±9 mg/dL e 25±14 mU/L, pressione arteriosa nell’intervallo pre-ipertensivo (sistolica 123 ± 8 mm Hg e diastolica: 82 ± 7 mm Hg) e profilo lipidico normale.

Il gruppo del digiuno intermittente ha ricevuto i pasti alle ore 7, 10, 13, suddivisi equamente nell’apporto calorico (33% in ciascuno).

Pubblicità

Il gruppo di controllo ha mangiato alle ore 7, 13 e 19 (33% di calorie in ogni pasto).

L’alimentazione fornita in 6 ore entro le 15, secondo il ritmo circadiano, ha dimostrato di abbassare i livelli di insulina a digiuno e sotto carico di glucosio, ma non ha modificato la glicemia. Questo sistema può essere adottato, dunque, per trattare l’insulino resistenza e migliorare la funzione beta pancreatica.

Il digiuno precoce ha ridotto i livelli di 8-isoprostano, marker dello stress ossidativo ai lipidi, di conseguenza la perossidazione lipidica e il rischio di aterosclerosi, ma non ha modificato i markers di infiammazione (proteina C reattiva, cortisolo e IL-6).

Ha attenuato la pressione sanguigna al mattino in modo significativo, probabilmente a causa dell’abbassamento dei livelli di insulina.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto