Nelle qualifiche di Melbourne, primo appuntamento del Mondiale 2015, si conferma il dominio Mercedes che piazza la doppietta con Lewis Hamilton, campione del Mondo in carica, in pole position davanti al compagno di squadra Nico Rosberg e alla Williams di Felipe Massa.

Buon inizio per la Ferrari che ottiene la quarta posizione con Sebastian Vettel e la quinta con Kimi Raikkonen, alle spalle dell'ex Massa per pochissimi centesimi, e davanti all'altra Williams del finlandese Valtteri Bottas che chiude la terza fila.

Distacchi esorbitanti rifilati dalle Mercedes alla concorrenza, con Hamilton capace di centrare una pole position da urlo e rifilare un distacco di 6 decimi al compagno di team Rosberg, incappato in un errore che ha reso vano il secondo tentativo.

Addirittura, a1 secondo e mezzo troviamo Massa, Vettel e Raikkonen.

Male l'esordio della Red Bull che si accontenta della settima posizione con Daniel Ricciardo, con un distacco di 2 secondi da Hamilton, e della tredicesima posizione del debuttante Daniil Kvyat, eliminato nella Q2.

Grande esordio per il debuttante Carlos Sainz Jr. che, al volante della Toro Rosso, centra l'ottava posizione a soli 2 decimi da Ricciardo, mettendosi alle spalle le Lotus di Romain Grosjean, per soli 50 centesimi, e Pastor Maldonado staccato di 1 secondo.

Disastrose, invece, le McLaren: in crisi di affidabilità e in mancanza di potenza, non riescono nemmeno a centrare il passaggio alla Q2, chiudendo in diciassettesima posizione con Jenson Button, lontano 3'' da Hamilton, e in diciottesima posizione con Kevin Magnussen, sostituto di Alonso, lontano più di 3'' dalla vetta.

Il ritorno del connubio McLaren-Honda è al momento da dimenticare, con le due vetture che sono riuscite a mettersi alle spalle solo le Marussia che, praticamente non hanno disputato le qualifiche. Si spera in un pronto ritorno, già dalla Malesia, di Fernando Alonso per rilanciare la scuderia di Ron Dennis.

Qualifiche in chiaroscuro per la Sauber che piazza il debuttante Felipe Nasr in undicesima posizione, davanti alla Toro Rosso dell'altro esordiente Max Verstappen, e Marcus Ericsson in sedicesima posizione. A completare la griglia di partenza troviamo le Force India di Nico Hulkenberg, 14°, e Sergio Perez, 15°.