Ad oltre dieci anni di distanza dal fattaccio, l’ex corridore spagnolo Roberto Heras si è visto riconoscere un ricco risarcimento per essere stato licenziato dal Team Liberty Seguros dopo una positività all’antidoping. Heras aveva vinto la Vuelta Espana nel 2005, ma era risultato positivo per Epo e la vittoria era stata assegnata a Denis Menchov. Molti anni dopo, un tribunale ha annullato quel caso di doping ed ora Heras ha vinto anche la lunga causa contro la sua ex squadra. 

Quasi un milione per Roberto Heras 

La lunghissima vicenda di Roberto Heras era cominciata nel 2005.

Pubblicità
Pubblicità

Lo scalatore spagnolo aveva vinto in quella stagione la sua quarta Vuelta Espana, primo corridore nella storia del Ciclismo a riuscirci. Ma poco dopo, quel successo da record era stato cancellato da una positività per Epo. La carriera di Heras era finita così, squalificato per doping e licenziato dalla sua squadra, la Liberty Seguros. Il corridore spagnolo però non si era arreso, accusando l’irregolarità del controllo che aveva evidenziato l’uso di Epo.

Pubblicità

Dopo una lunga battaglia legale, nel 2012 la giustizia gli ha dato ragione: quella positività all’Epo è stata cancellata e il suo nome è stato di nuovo iscritto nell’albo d’oro della Vuelta Espana 2005.

Da lì è partita la battaglia contro la sua ex squadra, quella Liberty Seguros che qualche mese dopo il licenziamento di Heras sarebbe stata travolta dallo scandalo dell’Operacion Puerto. Anche stavolta Heras ha vinto la battaglia legale: un tribunale spagnolo ha sentenziato un risarcimento di 724.000 euro in suo favore a causa di quel licenziamento. 

Se i tribunali hanno restituito vittorie e soldi a Roberto Heras, forse questo non basterà a farlo ricordare esclusivamente per le sue gesta sportive.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Ciclismo

E’ di questo parere anche il presidente dell’Agenzia Antidoping spagnola, che si è detto molto insoddisfatto della sentenza: “E’ una cosa impensabile, con tutto il rispetto per i giudici il doping non è un tema per un dibattito giuridico ma una questione etica” ha commentato il presidente Enrique Bastida.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto