Avanti per 3-1 nella serie, Golden State mancal'occasione in Gara-5, nella notte italiana tra lunedì e martedì, di chiudere il discorso e conquistare il titolo per il secondoanno consecutivo. La squadra di Kerr, orfana dello squalificato Green, ha dovuto chinarsi davanti alla memorabile partita del duo dei Cavs James-Irving, che nel secondo tempo hanno rotto l'equilibrio iniziale con una serie impressionante di canestri! Il verdetto è ora rimandato a Gara-6 che si giocherà in Ohio.

Re e viceré

Gli uomini della notte per i Cleveland Cavaliers si chiamano LeBron James e Kyrie Irving, autori di 82 punti in due, equamente distribuiti. Per la prima volta nella storia delle Finals NBA due compagni di squadra nemettono a referto 40 o più nella stessa partita! 41 punti figli di una serata clamorosa dal punto di vista offensivo, conaltissime percentuali dal campo: 70% abbondante per Irving con 17/24 al tiro, con tanti isolamenti e uno contro uno vincenti, e un importante 4/8 da 3 punti per James che trova fiducia e un minimo di continuità nel tiro dalla lunga distanza.

Anche 16 rimbalzi e 2 stoppate nella partita di "King" James che con nervi saldi riesce a resistere alla pressione della "Oracle Arena" schierata tutta contro di lui per via dell'episodio di Gara-4 che ha portato alla sospensione di Draymond Green. La loro superlativa prova offensiva permette alla squadra cancellarequalcheblack-out difensivo e, soprattutto, mascherare l'enorme difficoltà che alcuni giocatori come Kevin Love, Shumpert e Smith stanno incontrandonell'entrare in modo significativo in questa serie. Doverosamente va citata anche la sostanziosa prova di Tristan Thompson che porta fisicità e concretezza a rimbalzo sotto i due canestri.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Basket

Warriors piegati

L'assenza di Green si sente e come sui due lati del campo: mancano imprevedibilità in attacco e solidità difensiva. Inoltre coach Kerr è costretto ad allungare le proprie rotazioni e a cambiare in corsa tanti quintetti senza però riuscire a trovare la chimica giusta. In una serata complicata dall'infortunio di Bogut, il proscenio è tutto per Klay Thompson, autore di 37 punti con 6/11 da 3 e un estenuante quanto infruttuoso lavoro difensivo su Irving.

Con un Curry in serata "normale" (25 punti con 5/14 da 3), le seconde linee di Golden State, eccezion fatta per il solito preziosoIguodala, non riescono a fornire il giusto apporto agli "Splash Brothers". I Warriors hanno ancora a disposizione due match point, con l'eventuale Gara-7 da giocare in casa.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto