Non è stata una grande giornata quella che Fabio Aru ha passato nella tappa del Tour de France di Serre Chevalier che ha portato la corsa sul Galibier. Il Campione d’Italia non è riuscito a rispondere alle accelerazioni violente portate in successione da Romain Bardet. Il francese ha spezzato il gruppetto dei migliori e Aru è rimasto nella seconda parte, cedendo al traguardo di Serre Chevalier una trentina di secondi.

Il capitano della Astana è sceso dalla seconda alla quarta posizione nella classifica generale, che resta particolarmente corta. A influenzare negativamente la prestazione del campione sardo potrebbe essere però stato essenzialmente un problema di salute.

Aru, il podio è più difficile

Chi si aspettava un fabio aru all’assalto della maglia gialla di Chris Froome nel tappone alpino con Croix de Fer e Galibier è rimasto deluso.

Il capitano della Astana è rimasto con gli altri uomini di classifica fino a quando non si è accesa davvero la corsa. Nel finale della scalata al Galibier prima Daniel Martin e poi soprattutto Romain Bardet hanno dato una scossa con una sequenza di scatti che hanno disintegrato il gruppetto dei migliori. Froome e Uran non hanno ceduto un metro, mentre Fabio Aru ha pagato ogni cambio di ritmo, restando irrimediabilmente staccato sull’ultimo attacco di Bardet ormai a poche centinaia di metri dal Gpm del Galibier.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Ciclismo

La discesa, prima molto tecnica e poi più scorrevole e veloce, non ha dato l’opportunità ad Aru di riguadagnare terreno, anche perché davanti Froome e gli altri hanno marciato con ottimo accordo e grande intensità, approfittando dell’occasione di spingere il campione sardo più lontano nella classifica generale.

Colpa della bronchite

Perché Fabio Aru, che fin qui non aveva dato nessun cenno di cedimento, ha pagato in maniera così evidente gli scatti degli avversari sul Galibier?

Alla base della defaillance ci sarebbe un problema di salute, la bronchite e il raffreddore che Aru si porterebbe dietro fin dalle tappe pirenaiche, quando aveva conquistato la maglia gialla sul traguardo di Peyragudes. A rivelarlo è stato il sito francese CyclismActu. Nei giorni scorsi Aru è riuscito a superare le tappe senza problemi, anche grazie ai percorsi non particolarmente difficili, ma oggi nel tappone del Galibier la bronchite si è fatta sentire.

Aru ha perso 31’’ da Frome, Uran e Bardet, e in classifica è scivolato al quarto posto a 53’’ dalla maglia gialla.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto