Era attesa una fuga da lontano nella nona tappa del Tour de France e così è stato. Sul traguardo di Brioude è stato il Campione del Sudafrica Daryl Impey a festeggiare la sua prima vittoria sulle strade della corsa più importante del mondo. Il 34enne della Mitchelton ha giocato in maniera intelligente le sue carte, attendendo le ultime rampe della cote de Saint Juste per riportarsi su Roche e Benoot e poi imporre il suo miglior spunto veloce. Il gruppo si è concesso una tappa tranquilla, con Alaphilippe che si è goduto la sua maglia gialla nel giorno della festa nazionale francese.

Tour, incidente a De Marchi

La tappa numero nove del Tour de France, la Saint Etienne – Brioude, proponeva un percorso di 170 km con tre Gpm e tanti saliscendi disseminati dall’inizio alla fine. Una giornata da fuga sulla carta, ed infatti nelle fasi iniziali si sono susseguiti gli attacchi per centrare l’azione decisiva. A riuscire ad evadere sono stati in quindici: Garcia Cortina, Tratnik, Benoot, Naesen, Tony Martin, Boasson Hagen, Postlberger, Impey, Stuyven, Roche, Soler, Clarke, Delaplace, Herrada e Sicard.

Dopo la battaglia iniziale per prendere l’azione vincente la corsa si è calmata ed il gruppo ha rallentato vistosamente, condotto dagli uomini di Alaphilippe.

Purtroppo nelle fasi iniziali si è verificato anche un brutto incidente ad Alessandro De Marchi. Il corridore della CCC è caduto battendo il volto a terra procurandosi una vistosa ferita ma senza perdere mai conoscenza. De Marchi è stato caricato in ambulanza e portato in ospedale per gli accertamenti.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Ciclismo

Impey, mosse perfette

La fuga ha guadagnato più di dieci minuti di vantaggio e ad una quarantina di chilometri dall’arrivo Postlberger ha riaperto le ostilità cercando un’azione solitaria coraggiosa ma un po’ azzardata.

L’austriaco ha guadagnato una quarantina di secondi, ma la sua pedalata si è spenta andando verso l’ultima salita, la Cote de Saint Juste. Il resto della fuga si è spezzata in due, così che Soler, Roche, Tratnik, Stuyven, Impey, Benoot e Naesen sono riusciti ad avvantaggiarsi e collaborare proficuamente per riprendere Postlberger sulla salita. Roche ha poi cercato di approfittare del terreno a lui favorevole per fare selezione.

Con una sequenza di attacchi l’irlandese è riuscito ad avvantaggiarsi con Benoot, ma in vista dello scollinamento Daryl Impey ha piazzato un bello scatto per riportarsi sui due. Il sudafricano ha corso con grande esperienza e sagacia, tirando a tutta nel tratto di discesa e riuscendo poi ad eliminare Roche seguendo uno scatto di Benoot in una breve contropendenza.

Impey e Benoot sono così andati a giocarsi la tappa in volata e nonostante la poca collaborazione del belga nel finale, il corridore della Mitchelton non ha avuto problemi ad imporre il suo spunto veloce e firmare il successo.

Benoot si è dovuto accontentare della seconda piazza, con Tratnik davanti a Naesen e Stuyven per gli altri piazzamenti.

Il gruppo è arrivato tranquillamente a più di un quarto d’ora, dopo solo un breve scatto di Bardet sull’ultima cote, quasi un segno di presenza visto l’arrivo sulle sue strade di casa.

La classifica non è quindi cambiata, con Alaphilippe in maglia gialla con 23’’ su Ciccone.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto