L'avvio della stagione del ciclismo professionistico, sempre più all'insegna della globalizzazione, ha portato i corridori in mete lontane ed esotiche. Mentre in Australia si sta concludendo il Tour Down Under, in Argentina sta per scattare la Vuelta a San Juan. La corsa è in programma da domenica 22 a domenica 29 gennaio, e nonostante la concomitanza di una gara World Tour come il Down Under, ha richiamato tante squadre e corridori di altissimo livello. Al via vedremo tanti campioni all'esordio stagionale, a partire dall'iridato Remco Evenepoel, oltre a Bernal, Sagan, Ganna, Viviani e Jakobsen.

Il percorso prevede sette tappe, tutte in linea, con il momento clou nell'arrivo in salita di Alto Colorado.

San Juan, una starting list da grande corsa

La possibilità di mettere nelle gambe una settimana di corsa con un buon clima e di abbinare qualche giorno di allenamento in altura, ha decretato il grande successo della Vuelta a San Juan. La corsa argentina vedrà al via ben sette squadre del World Tour, oltre a diverse delle migliori formazioni Professional. A questa metà del gruppo di altissimo livello tecnico, si contrappone la folta rappresentanza delle squadre locali, meno blasonate ma ben preparate e motivate per questo appuntamento.

Il percorso della Vuelta a San Juan prevede diverse occasioni per i velocisti, ed infatti sono molte le ruote veloci presenti al via.

Tra questi il Campione Europeo Fabio Jakobsen, Fernando Gaviria, Elia Viviani, Sam Bennett, Giacomo Nizzolo e Peter Sagan.

La classifica generale si dovrebbe invece decidere nella tappa numero cinque, quella con l'arrivo in salita ad Alto Colorado. Tra i favoriti spicca ovviamente il Campione del Mondo Remco Evenepoel, già vincitore qui tre anni fa.

Grande curiosità c'è poi per Egan Bernal, che in allenamento ha dato segnali convincenti e cerca delle conferme in corsa dopo il grave incidente di un anno fa e la lunga riabilitazione. Il campione colombiano guida una super Ineos, che conta anche su Daniel Martinez, altro pretendente alla classifica generale, e su Filippo Ganna.

Tra gli altri favoriti per il successo spicca anche Sergio Higuita, mentre tra le agguerrite squadre locali è molto atteso Miguel Angel Lopez, ingaggiato dal Team Medellin dopo la rottura con la Astana. In gara ci sarà anche la nazionale italiana, che porta in Sud America uno schieramento formato essenzialmente dagli specialisti della pista, come il Campione Olimpico Francesco Lamon.

Questa Vuelta a San Juan segnerà anche la conclusione della carriera per uno dei corridori più esperti del gruppo, l'argentino Max Richeze.

Sette tappe in diretta su Eurosport

La Vuelta a San Juan presenta un percorso non particolarmente impegnativo.

L'unica vera tappa di montagna è la quinta, quella con l'arrivo sull'Alto Colorado, una salita di quasi venti chilometri con pendenze sul 4-5% e arrivo a ben 2600 metri di quota. Le altre tappe sono sostanzialmente favorevoli ai velocisti.

La corsa sarà trasmessa in diretta da Eurosport, sui servizi di streaming Eurosport.it e Discovery Plus e per alcune tappe anche con la diretta tv.

Ecco l'elenco delle tappe e gli orari di trasmissione.

Domenica 22 gennaio, 1° tappa: San Juan - San Juan 143.9 km. Online dalle 19.45, su Eurosport 1 dalle 23.

Lunedì 23 gennaio 2° tappa Valle Fértil - Jáchal 201.1 km.

Online dalle 19, su Eurosport 1 dalle 21.

Martedì 24 gennaio 3° tappa Autodrómo de Villicum - Autodrómo de Villicum 170.9 km. Online dalle 19, su Eurosport 1 dalle 21.45.

Mercoledì 25 gennaio 4° tappa Autodrómo de Villicum - Barreal 196.5 km. Online dalle 21.

Giovedì 26 gennaio Giorno di riposo

Venerdì 27 gennaio 5° tappa Chimbas - Alto Colorado 173.7 km. Online dalle 19.

Sabato 28 gennaio 6° tappa Velódromo Vicente Chancay - Velódromo Vicente Chancay 144.9 km. Online dalle 19.30.

Domenica 29 gennaio 7° tappa San Juan - San Juan 112 km. Online e su Eurosport 1 dalle 21.