Il fermo amministrativo è una misura cautelare adottata dall'agente della riscossione (ad esempio Equitalia, Soget, Serit, ecc.) successivamente alla notifica di una o più cartelle di pagamento e, spesso, anche dopo la notifica al contribuente di solleciti di pagamento ed ingiunzioni di pagamento. Esso viene applicato dagli agenti della riscossione che operano per conto della pubblica amministrazione (ad esempio per i Comuni per la riscossione di tributi quali Tarsu, Ici, o per le sanzioni amministrative elevate dalla polizia municipale; dalla Regione per la riscossione del bollo auto; dall'Inps o dall'Inail ecc.)

Il fermo amministrativo viene eseguito sui veicoli a motore ed impedisce al legittimo proprietario di utilizzare l'autovettura (o altro veicolo gravato dal fermo).

L'imposizione del fermo amministrativo e la conseguente impossibilità di utilizzare l'autovettura o altro mezzo per recarsi al lavoro, ad esempio, arreca grave nocumento al contribuente. Danno che è ancor giù grave se si riesce poi a dimostrare che il debito non era dovuto perché si era prescritto.

E' questo infatti che emerge da una recentissima sentenza n. 182 del 23 dicembre 2013 della Commissione Tributaria di Campobasso, con la quale ha accolto il ricorso presentato da una lavoratrice che, a causa dell'illegittimo fermo amministrativo sul proprio veicolo, a causa del mancato pagamento delle cartelle esattoriali che si erano dimostrate già prescritte.

Pertanto, i giudici tributari di Campobasso con la sentenza sopracitata hanno accolto il ricorso presentato da una cittadina ed hanno altresì condannato Equitalia al risarcimento del danno subito dal contribuente (oneri e spese subite nel periodo di blocco del veicolo) a causa della negligenza ed impudenza dell'agente della riscossione nell'applicare la misura cautelare del fermo illegittimo malgrado il debito fosse già prescritto.

I migliori video del giorno

Nel caso richiamato dalla sentenza, la lavoratrice ha ottenuto un risarcimento di € 500,00, oltre alle spese legali.

Si ricorda, inoltra, che entro il 28 febbraio è possibile "rottamare" i propri debiti con Equitalia senza pagare le sanzioni: per informazioni leggere questa Guida.