La nuova tassa sulla casa denominata #Iuc 2014, comprende #imu+Tasi e Tari, acronimo a parte, la sua definizione è di imposta unica comunale. E' previsto un aumento delle aliquote Tasi e Imu da un minimo dello 0,1 per mille ad un massimo dello 0,8 per mille complessivo, ma s'intende come totale da spalmare sulla prima e seconda casa, o il tetto massimo solo su una di esse.

Saranno i Comuni a decidere l'entità dell'aumento delle aliquote Tasi-Imu che dovrà servire a sua volta per aumentare le detrazioni fiscali già previste in parte per le famiglie e che saranno inoltrate verso le famiglie meno abbienti. Ricordiamo che attualmente l'aliquota sulla prima casa è del 2,5 per mille mentre sulla seconda casa è del 10,6 per mille.

Se la Tasi rappresenta la tassa sui servizi indivisibili degli enti locali, la Tari che insieme alla Tasi e all'Imu è compresa nella IUC 2014, rappresenta la tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani, che avevamo conosciuto come Tares, il cui pagamento della maggiorazione avrà scadenza 24 gennaio 2014, proprio come la Mini Imu. La suddetta Tari sarà pagata dagli inquilini che siano proprietari o affittuari.

La scadenza della IUC 2014 era stata fissata al 16 gennaio almeno per il primo versamento, ma visto il caos di tutte le tasse rigurdaanti la casa, il tempo mancante e l'emendamento che tarda ad arrivare del Governo, per non parlare delle decisioni successive dei Comuni sull'aumento eventuali delle relative aliquote, la scadenza della prima rata è stata spostata al 16 giugno e quella della seconda rata al 16 dicembre 2014.

I migliori video del giorno

Fare calcoli al momento non è possibile, a seconda delle decisioni degli enti locali si saprà se nel proprio Comune di appartenenza andranno meglio o peggio i proprietari di prima o seconda casa.

Facendo una proiezione, (fonte UIL) il pagamento medio per prima abitazione sarà compreso fra i 100 e i 170 euro circa, ma questo tenendo conto delle detrazioni, senza si parla di circa 200 euro. Per le seconde abitazioni, l'imposta subirebbe un aumento di circa 64 euro, passando da una media IMU 2013 di 837 euro a una Imu-Tasi 2014 di 901 euro.

Attualmente sembrerebbe l'ennesima beffa, dopo lo scandalo della Mini Imu che sarebbe dovuta essere coperta dallo Stato senza costringere i cittadini a pagarla, ora si scopre che molto probabilmente con la IUC 2014 non solo sarà reintrodotta la tassa sulla prima casa, ma peggio che si pagherà nel complesso di più rispetto anche all'Imu 2012.

Staremo a vedere le novità in merito, anche perchè la domanda è: cosa succederà se la riforma sulla legge elettorale Renzi-Berlusconi, non passa al Parlamento? Matteo Renzi ha già dichiarato che senza riforme il Governo cade. Tirate voi le somme.