Fino alla data del 24 gennaio del 2014 a Roma i cittadini potranno pagare la terza rata della Tares, il saldo, e la quota relativa a cosiddetti servizi indivisibili senza che l'Ama vada ad applicare le sanzioni rappresentate dagli interessi di mora.

A darne notizia è il sito Internet del Comune di Roma nel precisare in particolare che proprio in questi giorni stanno arrivando a casa le ultime comunicazioni di pagamento rappresentate dal bollettino per la Tares e dal modello F24 per il solo pagamento della sola quota relativa ai servizi indivisibili.

In merito il Comune di Roma fa presente come nell'importo della terza rata della Tares sia già inclusa la maggiorazione per i servizi indivisibili che, per un importo pari a 0,30 euro al metro quadrato per l'immobile, viene incassata dallo Stato e quindi non va a finire nelle casse dell'Amministrazione capitolina.

Ed il tutto fermo restando che, dalla sezione Tariffa Rifiuti del sito Internet dell'Ama è possibile in ogni momento visionare il contratto e scaricare il bollettino del saldo Tares ed il modello di versamento unificato F24 relativo ai servizi indivisibili.

L'accesso al servizio dell'Ama richiede la registrazione inserendo il nome e cognome, l'indirizzo di posta elettronica ed una password. Per chi è già un utente Ta.Ri per l'accesso al contratto ed al bollettino basterà indicare il codice fiscale, l'indirizzo di residenza ed il codice utente che è rappresentato da dieci cifre.