Al di là delle novità sulle detrazioni, la novità più interessante che riguarda la presentazione del #modello 730 del 2014 è quella che riguarda la mancanza del sostituto d'imposta.  Fino allo scorso anno in assenza di sostituto d'imposta si era costretti e presentare il modello Unico all'Agenzia delle Entrate ed aspettare per un eventuale rimborso fino a 24 mesi. A partire da quest'anno invece è possibile presentare la denuncia dei redditi anche per coloro che hanno percepito redditi nel 2013 ma hanno poi perduto il lavoro e non hanno più un sostituto d'imposta a Caf o professionisti abilitati potendo così pagare quanto dovuto telematicamente e potendo ricevere tramite bonifici o assegni quanto dovuto in caso di credito.

Cosa cambia in materia di detrazioni

In materia di detrazioni la novità più consistente riguarda i figli a carico: le agevolazioni fiscali per ogni figlio passano da 800 euro a 950 euro, se i figli hanno meno di 3 anni, invece, le detrazioni passano da 900 euro a 1220 euro. Le deducibilità aggiuntiva per ogni figlio disabile a carico  passa da 220 a 400 euro.

Si può, inoltre richiedere il bonus fiscale per chi è intervenuto nell'adottare misure antisismiche sui propri immobili (o sull'abitazione principale o per attività produttiva) se situati in zone ad alto rischio sismico. E' previsto, inoltre, per chi ha operato lavori di ristrutturazioni sulla propria casa dopo il 6 giugno del 2013, un ecobonus su mobili e grandi elettrodomestici, se di classe energetica A+ o maggiore.

I migliori video del giorno

La detrazione è su un massimo di 10mila euro al 50% suddivisa in 10 anni.

Per il risparmio energetico l'agevolazione è confermata al 55%, ma se le spese sono state sostenuto dopo il 6 giugno 2013 sale al 65%.

Sarà possibile portare in detrazione le donazioni fatte verso le Onlus, fino allo scorso anni erano detraibili al 19%, dal 2014 la detraibilità sale al 24%, stessa percentuale confermata anche per le donazioni effettuate a popolazioni colpite da calamità naturali o a partiti politici,

Come ogni anno è possibile detrarre spese mediche  e sanitarie, oltre la franchigia dei 129,11 euro. Tra tali spese sono contemplate quelle mediche o farmaceutiche.