Sul modello 730 2014 è possibile portare in detrazione,  nel quadro E, tutta una serie di spese che andranno detratte dall’imposta e possono essere suddivise in base alla percentuale di detrazione a cui danno diritto. Vediamo quali sono le detrazioni che si possono applicare nell’anno 2014 nel quadro E del modello 730.

Detrazione spese mediche

Le spese che si possono detrarre vanno dichiarate interamente, spetta poi a chi esercita assistenza fiscale calcolare quale è la percentuale di detrazione da applicare.

Le spese sanitarie sostenute nel 2013 vanno inserite nei righi E1, E2 ed E3: nella colonna 2 si indicheranno le spese sostenute per analisi, visite specialistiche, prestazioni chirurgiche, acquisito di protesi o dispositivi sanitari, ricoveri ospedalieri, acquisto di medicinali.

Nella colonna 1 del rigo E1 si inseriranno le spese sostenute in strutture private non convenzionate da pazienti affetti da patologie.

Per le spese sanitarie dei righi E1 ed E2 c’è una franchigia di 129,11 euro, la detrazione del 19% sarà quindi calcolata solo sulla parte restante una volta sottratta tale franchigia (Ad esempio se si hanno 600 euro di spese mediche la detrazione sarà riconosciuta su 470,89 euro, ovvero su 600.129,11 euro).

Sono detraibili anche le spese mediche sostenute all’estero come quelle sostenute in Italia.

Per le spese mediche indicate nel rigo E3, ovvero per le spese mediche sostenute per i mezzi di accompagnamento, la locomozione, la deambulazione, così come quelle per i sussidi informatici e tecnici per l’integrazione dei portatori di handicap non presentano nessuna franchigia.

I migliori video del giorno

Bisogna però presentare una documentazione che attesti la condizione del portatore di handicap che sia stata rilasciata da una commissione medica o una autocertificazione.

Sommando gli importi dei righi E1, E2 ed E3 l’importo non deve superare i 15,493,71 euro, in caso contrario si può decidere di suddividere la detrazione in quattro quote annuali di pari importo barrando la casella “rateizzazione” . Si ricorre a questo espediente di solito quando si ha un reddito basso e si rischia di perdere parte delle detrazioni spettanti.