Lo Spesometro 2014, strumento contro l'evasione fiscale, si appresta a scadere. L'agenzia delle entrate ha fissato le scadenze per la sua presentazione nel 10 e nel 22 aprile 2014 (escluso eventuali proroghe dell'ultimo minuto).

Spesometro 2014 dell'Agenzia delle Entrate: chi deve inviarlo e come

Gli interessati allo Spesometro 2013-2014 sono i commercianti, le imprese e i professionisti.

Il 10 aprile 2014 è la scadenza dello Spesometro 2014 che fa riferimento alle comunicazioni relative al 2013 di attività di impresa, attività professionali e lavori autonomi con liquidazione IVA mensile.

Il 22 aprile 2014 è la scadenza dello Spesometro 2014 per tutti gli altri soggetti.

L'invio dei dati relativi allo Spesometro 2014 va effetuato esclusivamente per via telematica, utilizzando il software disposto dall'Agenzia delle Entrate.

Per accedervi bisogna seguire i seguenti passaggi:

  • entrare nel sito dell'Agenzia delle Entrate
  • andare alla sezione Cosa devi fare
  • poi a quella Comunicare Dati
  • e infine alla sezione Comunicazione operazioni Iva.

Imprese: vanno incluse le operazioni di cessione e prestazione rese e ricevute con obbligo di fattura e senza obbligo di fattura se l'importo è pari o superiore a 3.600 euro. La comunicazione potrà essere analitica (indicando tutte le fatture emesse e ricevute), oppure aggregata (indicando il numero di prestazioni e gli importi per cliente).

Commercianti: vanno incluse le operazioni senza obbligo di fattura con importo superiore a 3.600 euro e quelle che hanno obbligo di fattura.

I migliori video del giorno

Quando le operazioni sono effettuate verso privati che non hanno partita IVA e sono tracciabili, non vi è obbligo.

Professionisti: vanno incluse tutte operazioni, senza limiti di importo.

Spesometro 2014 dell'Agenzia delle Entrate: gli esonerati

Sono esonerati dallo Spesometro 2014 i soggetti che

-utilizzano il regime dei minimi

-utilizzano il regime fiscale di vantaggio per l'imprenditoria giovanile

-i lavoratori in mobilità.