Il #modello Unico Persone Fisiche 2014 è stato leggermente rivisto ed aggiustato tenendo conto sia delle ultime disposizioni normative, sia di alcuni orientamenti interpretativi. Ne dà notizia l'Agenzia delle Entrate nel precisare che gli aggiustamenti, a seguito della pubblicazione del relativo provvedimento il 4 aprile del 2014, riguardano anche le istruzioni ed il modello Unico Mini.

Gli aggiustamenti sono legati, in accordo con quanto rende noto il Quotidiano telematico dell'Agenzia delle Entrate FiscoOggi, alle ultime novità riguardanti la disciplina sul monitoraggio fiscale, mentre le modifiche legate agli orientamenti interpretativi riguardano i rapporti tra l'imposta municipale (Imu) e l'imposta sul reddito delle persone fisiche (#Irpef).

Altre correzioni e modifiche sono invece legate a rendere l'indicazione di alcuni dati identica ai campi presenti nel modello di dichiarazione 730/2014. Intanto associata al modello Unico 2014 da quest'anno c'è anche la scheda per la scelta del 2 per mille dell'Irpef ai partiti politici.

La scheda per la destinazione del 2 per mille dell'Irpef, con tanto di istruzioni e di specifiche tecniche, è stata infatti approvata dal direttore dell'Agenzia delle Entrate con un provvedimento datato 3 aprile del 2014. La scheda entro i termini previsti può essere tra l'altro presentata anche da chi è esonerato dall'obbligo di presentazione della dichiarazione potendo così partecipare al nuovo sistema di finanziamento ai partiti politici attraverso un esplicito contributo volontario. #modello 730