Per le tasse sugli immobili, per Imu, Tasi e Tari 2014, la scadenza varia seconda dei casi, restano problemi con la Tasi per gli inquilini e arrivano inoltre novità sulla proroga della tassa sui servizi indivisibili che, assieme alle altre qui indicate, compone la IUC 2014.

Scadenza Imu, Tasi 2014 e Tari e novità sulla tassa per i servizi

La scadenza dell'imu 2014 per gli immobili diversi dalla prima casa o per prima casa di lusso, per la prima rata, è fissata al 16 giugno. Il termine ultimo entro quando pagare la seconda rata Imu è quello del 16 dicembre.

La scadenza della Tasi 2014 per immobili diversi dalla prima casa slitta a settembre o ottobre per la prima rata nei comuni che non deliberano le aliquote 2014 entro il 23 maggio, mentre resta fissa al 16 giugno, come la prima rata per la prima casa, se la delibera arriva in tempo.

La rata finale della Tasi 2014 ha come scadenza il 16 dicembre.

Per quanto concerne la proroga di cui sopra, dopo le parole di Fassino si parla molto di possibile slittamento della scadenza al giorno 16 ottobre; le novità sulla Tasi dalla politica, in merito alla data precisa del rinvio, dovrebbero giungere presto, ma è probabile che il termine ultimo sia fissato o al 16 settembre o al 16 ottobre.

Per le varie rate la scadenza della Tari 2104 può variare a seconda dei comuni: assolutamente fondamentale è quindi scoprire cosa ha deliberato il proprio comune in proposito. Si può comunque pagare in unica soluzione il 16 giugno.

Inquilini e Tasi 2014, come si calcola la tassa: le delibere comunali il punto di riferimento

Per gli inquilini la Tasi 2014 va pagata in percentuali variabili (in linea di massima con quota tra il 10 e il 30%): ma come scoprire, per chi vive in affitto, quanto pagare di Tasi? Anche in questo caso il punto di riferimento imprescindibile è la delibera del proprio comune in materia che può essere trovata sul sito ufficiale della propria amministrazione locale (o, in caso di grandi centri, tramite articoli online).