In merito alla #Tasi 2014, le nuove aliquote fanno emergere l'importo di un tributo che sarà di gran lunga più caro rispetto all'Imu, almeno stando a quanto annunciato da Bankitalia. Non tutti gli enti locali hanno già deliberato le aliquote, ma intanto sono stati diramati i codici per effettuare il pagamento della Tasi. I codici sono indicati in fondo all'articolo.

Intanto, non diminuiscono le polemiche e la confusione intorno al tributo sui servizi indivisibili in scadenza il prossimo 16 giugno, sebbene non sia stato ancora pubblicato il decreto per ufficializzare la proroga ad ottobre del pagamento della Tasi 2014 per tutti quei Comuni che non hanno avuto modo di deliberare le nuove aliquote.

Ciò che è certo, sempre secondo Bankitalia, è che il saldo della Tasi sarà più elevato, addirittura del 60%, rispetto a quello dell'Imu: tassa, quest'ultima, abolita solo per le prime abitazioni (escluse quelle di lusso), ma non per le seconde.

La Tasi sarà molto cara non solo per i proprietari, bensì anche per i chi vive in affitto, dovendo pagare una quota insieme ai proprietari degli immobili concessi in locazione, proprio perché trattasi di un tributo sui servizi indivisibili gestiti direttamente dai Comuni che inciderà sui residenti e non esclusivamente sui proprietari.

In verità, tutto potrebbe dipendere dagli enti locali, i quali se fisseranno aliquote di massimo 2,5 per mille sulla prima casa, l'aumento sarà della metà rispetto all'anno appena trascorso. In ogni caso, anche deliberando aliquote al minimo, ci sarà comunque un aumento di almeno il 12%, come riportato da Bankitalia.

I migliori video del giorno

Si ricorda che entro il 31 luglio 2014 i Comuni saranno obbligati a chiudere i bilanci ed allora si saprà se il Governo potrà anticipare l'acconto Tasi per tutti quei Comuni che non hanno stabilito le aliquote.

Sono noti, invece, i codici per effettuare il pagamento della Tasi, che potrà avvenire mediante bollettino, oppure F24 o anche telematicamente tramite i servizi di Poste Spa. Ecco i codici:

  • 3958 (in caso di abitazione principale);
  • 3961 (in caso di altri fabbricati)
  • 3959 ( in caso di fabbricati rurali)
  • 3960 (in caso di zone edificabili).