Torna puntuale l’incubo legato alla #Tasi 2014 prima e seconda casa: ricorderete senz’altro il caos normativo venutosi a creare nel maggio scorso, quando su oltre 8mila Comuni chiamati al pagamento del tributo poco più di 2mila sono riusciti a deliberare aliquote e detrazioni valide per la Tasi 2014 prima e seconda casa rendendo in tal modo operativa la scadenza del 16 giugno. Per le oltre 6mila amministrazioni inadempienti tutto è stato rimandato al mese di settembre, ma stando ai primi dati che giungono dal Ministero delle Finanze si sta andando incontro ai soliti ritardi e fraintendimenti. Una situazione caotica che gioco forza si ripercuote sui cittadini, che a causa della particolare natura del tributo sono chiamati a computarne l’ammontare in autonomia: logico il ricorso a CAF e centri specializzati che in queste ore vengono ad essere letteralmente presi d’assalto.

Cerchiamo adesso di mettere ordine nel capitolo bis legato alla Tasi 2014 prima e seconda casa concentrandoci su scadenza, aliquote, calcolo, conteggio online e pagamento tramite F24.

Tasi 2014 prima e seconda casa: scadenza, aliquote, calcolo, conteggio online ed F24 – Quando e quanto pagare?

Il primo aspetto che bisogna affrontare è senz’altro quello connesso alla scadenza della Tasi 2014 prima e seconda casa. Per i circa 2mila Comuni che hanno deliberato aliquote e detrazioni entro il mese di maggio il quadro è chiaro: la prima rata è stata versata il 16 giugno scorso, mentre la seconda andrà versata a titolo di saldo definitivo il prossimo 16 dicembre. Per i restanti 6mila Comuni è stato stilato un calendario diversificato: le relative Amministrazioni hanno tempo sino al 10 settembre per deliberare aliquote e detrazioni connesse alla Tasi 2014 prima e seconda casa e fino al 18 settembre prossimo per pubblicarle. Nei Comuni che rispetteranno queste scadenze si procederà al pagamento in due rate - la prima al 16 ottobre e la seconda, a titolo di saldo finale, al 16 dicembre -, per tutti gli altri invece si andrà al pagamento in un’unica rata il 16 dicembre prossimo. Le aliquote della Tasi 2014 prima e seconda casa ammontano al 2,5 per mille e al 10,6 per mille, con i Comuni che recano però facoltà di incremento nella misura massima dello 0,8 per mille a condizione che il tesoretto venga utilizzato per finanziarie le detrazioni. Come accennato la Tasi 2014 è un tributo in autoliquidazione, ecco che i contribuenti sono chiamati a computarlo in totale autonomia. Le procedure da dover effettuare per il calcolo non sono complesse: bisogna assumere la rendita catastale, rivalutarla al 5%, moltiplicare la risultanza per un coefficiente che varia da immobile a immobile, conteggiare le aliquote comunali e infine scomputare le eventuali detrazioni. Il consiglio è comunque quello di rivolgersi a centri CAF o professionisti abilitati, ma chi volesse procedere in autonomia senza l’aiuto di nessun intermediario può consultare il portale online ‘Amministrazionicomunali.it’ ed utilizzare il pratico calcolatore disponibile sulla home dello stesso sito. Il software può essere utilizzato sia per calcolare la Tasi 2014 prima e seconda casa che per scaricare e compilare il modello F24 indispensabile per il pagamento del tributo.