Mancano ormai pochi giorni alla scadenza del pagamento della prima rata della #Tasi 2014 di ottobre fissata per il giorno 16 per tutti quei Comuni che non hanno deliberato le aliquote in tempo per l'acconto di giugno.

Tasi prima casa ottobre 2014

Deve pagare la prima rata della Tasi 2014 chiunque sia in possesso di un immobile che sia soggetto al pagamento di un tributo, ma attenzione la Tasi si paga solo sulla prima casa, a differenza dell'IMU che viene pagata su tute le unità immobiliari. Si ricorda, però, che per prima abitazione si intende l'immobile nel quale il possessore abita con il suo nucleo familiare, quindi dove si ha la residenza anagrafica.

Ci sono casi in cui, però, gli immobili vengono assimilati come abitazione principale anche se il possessore non li abita, vediamo quali:

- nel caso di case di proprietà di anziani ricoverati presso case di cura in modalità permanente a patto che l'unità immobiliare non sia stata locata; l'unità immobiliare dell'anziano ricoverato può essere concessa in comodato d'uso a un parente di linea diretta di primo grado che la utilizzi come abitazione principale. Questo tipo di assimilazioni, che sono qualificate come detrazioni, sono decise dai Comuni.

In caso di comodato d'uso chi paga la Tasi?

Se un immobile è concesso in comodato d'uso gratuito a qualsiasi parente diretto di primo grado è di proprietà di più persone, in quel caso il pagamento della Tasi sarà ripartito in uguali parti tra i proprietari, così come la detrazione, senza tenere conto delle quote di appartenenza dell'immobile di ciascun soggetto.

I migliori video del giorno

Casa coniugale

Se un immobile appartiene a più soggetti essi sono tenuti tutti ad adempiere al pagamento. Se ci si trova in presenza di divorzio o separazione a pagare la Tasi sarà il coniuge assegnatario che è titolare del diritto di abitazione dell'immobile e anche colui che ne detiene la residenza anagrafica, rimanendo, quindi, l'unico soggetto passivo di imposta ma anche l'unico che può usufruire delle detrazioni previste.