Ritorniamo a parlare della Tasi 2014 con un utile guida al calcolo delle sanzioni per chi paga in ritardo, al modello F24 e come effettuare il pagamento con il ravvedimento operoso.

Milioni di proprietari di immobili in questo 2014 hanno dovuto pagare l' acconto della tassa sui servizi indivisibili del proprio comune sulle prime e sulle seconde case. Il 16 ottobre scadeva la prima rata Tasi per i comuni che avevano comunicato in tempo le delibere al Ministero dell' Economia riguardanti le aliquote e le detrazioni da applicare ai cittadini. Toccherà pagare invece la seconda rata a dicembre, sempre che, non arrivino proroghe inaspettate da parte del Governo.

Per chi non ha pagato la Tasi 2014 in tempo sono previste delle sanzioni secondo un calcolo che viene applicato all' importo che era dovuto versare. Nel caso siate nella schiera dei contribuenti che non hanno pagato la tassa in tempo, avete ancora modo di rimediare attraverso la procedura del ravvedimento operoso.

Tasi 2014: il calcolo delle sanzioni, esempio della compilazione modello F24 per pagare in ritardo con il ravvedimento operoso

Come si effettua il calcolo? Adesso vedremo come fare il calcolo delle sanzioni Tasi 2014, come compilare il modello F24 e come pagare in ritardo con il ravvedimento operoso nel caso in cui siate in ritardo con il versamento della Tasi dovuta per il 2014.

Procediamo per gradi. Per non incorre in multe abbastanza rilevanti si può autodenunciare il proprio errore con il ravvedimento operoso.

I migliori video del giorno

Per pagare l' importo omnicomprensivo occorre calcolare qual è l' importo esatto della sanzione per la Tasi in ritardo e dei relativi interessi. Il calcolo da fare è molto semplice, sapendo che la sanzione dovuta per il ravvedimento sarà dello 0,2% per ogni giorno di ritardo che si è accumulato dal 16 ottobre. Dopo il quattordicesimo di ritardo fino al trentesimo giorno, la sanzione sarà aumenta fino ad un' aliquota del 3%, e infine , se ancora non ancora non si è provveduto a pagare, la sanzione prevista dal trentunesimo giorno di ritardo sarà del 3,75% con l'aggiunta degli interessi legali che corrispondono all' 1 % su 365 giorni.

Per pagare il tributo con il ravvedimento operoso dovrete usare il modello F24 facendo attenzione a compilarlo con le modifiche del caso, perché, se si utilizza il ravvedimento occorrerà barrare la voce Ravv sul modello e riportare il totale dovuto comprensivo dell' imposta, della sanzione amministrativa e degli interessi. Fatto ciò dovrete mettere i codici tributo esatti che sono 3958 per la prima casa e le pertinenze e il codice tributo 3961 per gli altri fabbricati.

Ma facciamo un esempio di calcolo della sanzione, poniamo che il tributo da versare per la Tasi 2014 sia 200 euro con 10 giorni di ritardo, quindi dovrete calcolare prima la sanzione del 0,2% = 0,40 centesimi poi gli interessi legali per i giorni di ritardo su base annua, (200 x 1 x 10) /36500 = 0,06 euro, adesso sommate le cifre e ottenete il totale della tassa dovuta ovvero 200,46 euro.

Se invece usate il bollettino postale dovrete ricordarvi di inserire il codice catastale, l' anno di riferimento, il numero di immobili e se state pagando l' acconto o il saldo. Infine vi rammentiamo il numero di conto corrente 1017381649 unico per tutti i comuni italiani sul quale effettuare il versamento per il ritardo della Tasi 2014.