Come e dove effettuare il calcolo del Bollo auto 2015? E cosa succede in caso di ritardato pagamento per quanto concerne sanzioni e interessi? Ecco le risposte per voi, e per coloro che non sono ancora in regola, la parola d'ordine è ravvedimento operoso.

Calcolo Bollo Auto 2015: come e dove verificare

Il fisco e le tasse sono sempre addosso ai cittadini italiani, è possibile dimenticare di pagare il bollo auto magari perchè non ci si ricorda della data di scadenza, e allora si cade inevitabilmente in sanzioni e interessi da pagare successivamente quando finalmente si effettua il pagamento.

Per non dare di matto fra i mille numeri del libretto di circolazione, basta recarsi sul sito dell'Agenzia delle Entrate alla sezione servizi online e poi servizi fiscali senza registrazione, dove tra le varie opzioni c'è quella che interessa il calcolo del bollo auto 2015.

A questo punto avete 2 opzioni ulteriori: andare sul link che indica il calcolo tramite l'inserimento dei KW o CV del vostro autoveicolo, oppure sul link successivo dove sarà sufficiente indicare la targa dell'auto. In entrambi casi premere il tasto calcolo ed ecco che avrete il totale dell'importo da versare e la data della prossima scadenza. Vi sarà indicato ovviamente in caso di ritardo, l'ammontare degli eventuali interessi. E' disponibile anche la verifica dello stato dei pagamenti effettuati, ma il servizio è valido solo per le regioni del Friuli Venzia Giulia, Marche, Sicilia, Sardegna e Valle d'Aosta.

Bollo auto 2015, pagamento in ritardo: ecco le sanzioni attraverso il ravvedimento operoso

Se il pagamento del bollo auto 2015 viene effettuato entro 14 giorni dalla sua data di scadenza, si andrà incontro ad una sanzione decisamente ridotta, ovvero uno 0,2% sull'importo iniziale per ogni giorno di ritardo.

I migliori video del giorno

Dal 15° al 30° giorno scatta la sanzione ridotta del 3% che aumenta al 3,33% in caso di ritardato pagamento dal 31° al 90° giorno, mentre dal 91° giorno fino allo scadere dei 12 mesi si passa al 3,75%.

E' bene ricordare che per avere delle sanzioni ridotte (ravvedimento operoso) non si deve superare il termine di 1 anno dalla scadenza inziale del pagamento, e che oltre ad esse dovranno essere pagati anche gli interessi moratori calcolati ad un tasso legale del 1% per quanto concerne il 2014, e dello 0,5% dal primo gennaio 2015. Infatti, se il pagamento del bollo auto avverrà in ritardo di oltre 1 anno, la maggiorazione balza al 30% a cui aggiungere sempre gli interessi legali che maturano giornalmente.