Tra le novità contenute nel modello 730/2015 che il contribuente dovrà presentare entro il 7 luglio prossimo, alcune riguardano la tassazione agevolata dei redditi derivanti dalla locazione di immobili ad uso abitativo, ossia la Cedolare Secca.

La Cedolare Secca è un regime di tassazione facoltativo che sostituisce l'Irpef, le addizionali comunali e regionali, e l'imposta di bollo e di registro da pagare per il contratto di affitto. E' facoltativo nel senso che il proprietario o il titolare di usufrutto o di altro diritto reale di godimento sull'immobile può scegliere di applicare la cedolare secca al reddito percepito per le abitazioni concesse in locazione, qualora sia per lui più conveniente.

A partire da quest'anno e fino al 2017, nel caso in cui gli immobili siano stati affittati con contratto a canone concordato e per studenti (legge 431/98 art. 2, c.3 e art. 5, c. 2 e 3) e siano ubicati nei comuni ad alta densità abitativa (elenco stabilito dal CIPE), è prevista un'aliquota agevolata, ridotta lo scorso anno dal 19% al 15%, e ora ulteriormente abbassata: passa, infatti, dal 15% al 10%.

Un'altra novità in questo ambito è stata introdotta dal decreto legge n. 47 del 2014, il c.d. Piano Casa, per l'emergenza abitativa. Il decreto prevede che si potrà applicare l'aliquota agevolata del 10% anche ai contratti d'affitto a canone concordato di immobili situati in comuni per i quali è stato decretato lo stato di emergenza a causa di eventi calamitosi; a condizione che lo stato di emergenza sia stato dichiarato nel periodo compreso tra il 29 maggio 2009 e il 28 maggio 2014, ossia negli ultimi cinque anni precedenti la data di conversione in legge del decreto.

I migliori video del giorno

Inoltre, quest'anno il legislatore ha previsto che si possa optare per la cedolare secca anche nel caso in cui l'immobile ad uso abitativo sia stato affittato a cooperative edilizie per la locazione o enti senza scopo di lucro, a condizione che siano sublocate a studenti universitari e date a disposizione dei comuni con rinuncia all'aggiornamento del canone di locazione. #modello 730