Come funziona il modello 730 precompilato online? Si paga per averlo? Andiamo a dare uno sguardo a questa importante novità che rivoluzionerà la dichiarazione dei redditi 2015. L’Agenzia delle Entrate, infatti, ha avviato un processo di rinnovamento per avvicinare l’Italia agli altri Paesi europei. Si fa tutto su internet: nessuna coda agli uffici o nei Caf. Oggi cerchiamo di capire cosa bisogna fare per prepararsi a questo cambiamento che partirà dal 15 aprile quando cominceranno ad arrivare le dichiarazioni. Per essere pronti è necessario avere un pc ed una connessione ad internet: è necessario, infatti, collegarsi sul sito web dell’Agenzia delle Entrate.

Nuovo Modello 730 precompilato online: guida Dichiarazione dei Redditi 2015, come funziona? Primo step

Condizione necessaria per accedere al nuovo 730 su internet è quella di disporre dei dati per poter effettuare il login sul sito www.agenziaentrate.gov.it. Se non si è in possesso dei dati per l’area riservata, si possono richiedere in tre modi:

  • su internet, compilando l’apposito form presente sul sito, si riceveranno i dati a casa;
  • rivolgendosi ad un ufficio dell’#agenzia delle entrate;
  • telefonando al numero 848.800.444.

Modello 730 precompilato online: quando arriva e come inviarlo

Una volta effettuata la registrazione (procedura da non svolgere se siete già registrati) viene la fase successiva. A partire dal 15 aprile 2015 saranno inviati i modelli 730 precompilati che si potranno conoscere appunto dall’area riservata.

I migliori video del giorno

Almeno per quest’anno, però, essi incrociano diverse banche dati a cui lo Stato può accedere ma non sono comprensivi di tutte le spese. Vanno, pertanto, integrati a partire dalle spese sanitarie che, in occasione della dichiarazione dei redditi 2015, devono essere inserite a parte. Occorre, dunque, controllare analiticamente cosa bisogna aggiungere.

L’invio va fatto dal 1° maggio al 7 luglio 2015 tramite la propria area riservata, delegando il proprio sostituto d’imposta oppure rivolgendosi ad un Caf o professionista abilitato. Una volta entrato a regime, nella speranza di una risposta positiva dei cittadini, il sistema dovrebbe garantire maggiore semplicità e velocità nella denuncia dei redditi. #modello 730