Il mese di giugno è ormai arrivato e, come ogni anno, i contribuenti italiani che possiedono o detengono degli immobili dovranno fare i conti con il calcolo dell' imu e della tasi per l'anno 2015. La prevista semplificazione che prevedeva il recapito a casa dei modelli di pagamento precompilati ha fatto "flop" e salvo qualche piccolo comune, virtuoso in tal senso, la stragrande maggioranza dei cittadini dovranno provvedere da soli al calcolo e al versamento di quanto dovuto; andiamo quindi a vedere nel dettaglio come calcolare #imu e #Tasi per il 2015 e come effettuare i versamenti tramite F24.

Rendita catastale e valore immobili per imu e tasi

I parametri per calcolare l'imu e la tasi, già aumentati l'anno scorso, sono rimasti invariati per l'anno 2015; la base di partenza per determinare quanto dovuto è la rendita catastale dell'immobile, sia esso un fabbricato, un terreno agricolo o un'area fabbricabile; per determinare la base imponibile bisognerà procedere per come segue:

  • fabbricati categoria A - abitazioni (escluso A10): rendita catastale x 1,05 x 160 = valore immobile
  • fabbricati categoria A10 (uffici e studi): rendita catastale x 1,05 x 80 = valore immobile
  • fabbricati categoria C2,C6,C7 (garage,cantine, soffitte etc.): rendita catastale x 1,05 x 160 = valore immobile
  • fabbricati C1 (negozi e botteghe): rendita catastale x 1,05 x 55 = valore immobile
  • fabbricati C3,C4,C5 (laboratori, palestre e stabil. balneari): rendita catastale x 1,05 x 140 = valore immobile
  • terreni agricoli: rendita catastale x 1,25 x 135 = valore immobile
  • aree fabbricabili : il valore dell'immobile è quello venale in commercio al 1 gennaio del 2015.

Una volta ottenuto il valore dell'immobile, come sopra determinato, basterà applicare l'aliquota stabilita dal proprio comune per ottenere l'importo dovuto di imu e tasi per l'anno 2015; il 50 % della somma andrà versata entro il 16 giugno 2015 a titolo di acconto mentre la restante parte andrà versata a saldo entro il 16 dicembre 2015.

Codici tributo modello F24 per versamenti imu e tasi

La maggior parte dei comuni non ha ancora stabilito le aliquote da applicare per imu e tasi 2015, poiché quest'anno potranno deliberare entro il 31 luglio; i contribuenti potranno però procedere al pagamento della prima rata di acconto sulla base delle aliquote stabilite per l'anno 2014. I versamenti andranno effettuati con il modello F24 avendo cura di riportare, oltre agli appositi codici tributo, che si elencano di seguito, l'anno d'imposta (2015) e il numero degli immobili per i quali si effettua il versamento.

codici tributo imu:

  • 3912 abitazione principale e relative pertinenze
  • 3914 terreni
  • 3916 aree fabbricabili
  • 3918 altri fabbricati
codici tributo tasi
  • 3958 abitazione principale e relative pertinenze
  • 3959 fabbricati rurali ad uso strumentale
  • 3961 altri fabbricati