L'ha fatto ancora, ha tirato fuori la bacchetta e ci ha bacchettati di nuovo: l'#Unione Europea sull'#imu insiste e dice: quella tassa non si deve cancellare! A tal proposito l'ultimo monito in ordine di tempo è arrivato solo qualche giorno fa con la pubblicazione del rapporto 2015 sulle riforme fiscali negli Stati dell'Unione. Tra le indicazioni contenute c'è ne una che sembra scritta proprio per il nostro Paese e che più o meno dice così: togliere le tasse sugli immobili non ha alcun senso perché non sono quelle a frenare la crescita! Piuttosto a bloccare la crescita è la tassazione sul reddito, per cui l'operazione giusta è semmai quella contraria, tassare gli immobili e detassare il lavoro.

L'autoritarismo di Renzi

Su queste indicazioni dell'Europa il nostro Ministro dell'economia Padoan si trova d'accordo ma a metà, secondo lui infatti, se in linea di principio è vero che la detassazione della casa non aiuta più di tanto la ripresa dei consumi e vero anche che nel nostro Paese la regola vale un po' meno, visto che l'80% degli italiani possiede un'abitazione di proprietà e questa detassazione li aiuterebbe tutti. Una questione tecnica dunque, ma anche di competenze se si considera che da New York  #Matteo Renzi, sempre più determinato a celebrare il famigerato funerale della tassa sulla casa, ha prontamente rivendicato la sua sovranità, affrettandosi a far sapere a Bruxelles che sarà il suo di Governo a decidere quali tasse eliminare in Italia e non un euroburocrate.

I migliori video del giorno

Taglio IMU inutile?

Insomma secondo il premier Renzi su IMU e tasse sul lavoro il duello con l'UE è aperto: non decidono loro, ciascuno stia al suo posto e avanti tutta lungo la strada del taglio, sulla quale però si intraversano anche altre ragioni.C'è infatti chi fa notare che questa detassazione di fatto avvantaggerà i ricchi e gli anziani visto che difficilmente i meno abbienti e i giovani posseggono una casa. Questi argomenti che almeno per il momento non sembrano fare breccia nei piani governativi italiani e quindi, fra strategie economiche, competenze e politica, le domande sono diverse! Chi deve decidere quali tassi tagliare: Renzi o l'Europa? Ed è veramente sula casa che deve intervenire il Governo o sarebbe più opportuno tagliare le imposte sui consumi, sui redditi e sul lavoro?