Il canone tv 2016, con la riforma apportata dal #Governo Renzi, va sempre pagato? Occorre valutare caso per caso e i quesiti in merito sono molteplici. Ad esempio, il canone va pagato nel caso in cui il contribuente abbia più immobili? E se il canone è intestato al marito, ma la bolletta la paga la moglie? E se il televisore è utilizzato solo come monitor del pc? Questi ed altri quesiti sono stati esaminati dalla stessa #agenzia delle entrate che ha fornito risposte in merito. Leggiamole nel dettaglio.

Canone Rai 2016: più immobili, diversa intestazione abbonamento e energia elettrica e affitto

Nel caso in cui il contribuente sia detentore di più immobili, il canone tv dovrà essere pagato una sola volta e non per il numero di immobili.

Cosa succede, invece, a chi vive in affitto in un appartamento già ammobiliato e comprensivo del televisore? In tal caso, il canone dovrà essere versato dall'affittuario, in quanto divenuto detentore dell'apparecchio televisivo. Diverso è, invece, il quesito di una coppia che possieda una seconda abitazione e marito e moglie hanno anche due contratti differenti per la fornitura di energia elettrica, una intestata alla moglie e una al marito: in tal caso sarà necessario produrre l'autocertificazione, ogni anno, per pagare un solo canone. Se, poi, in caso di unica abitazione, il canone è pagato dal marito e la bolletta elettrica è pagata dalla moglie, occorrerà attendere la voltura d'ufficio del canone a colui che è intestatario del contratto che dovrà essere effettuata dallo sportello abbonamenti tv (S.a.t.) dell'Agenzia delle Entrate.

I migliori video del giorno

Abbonamento tv, quando si usa l'autocertificazione e pensionati

Non sfugge al pagamento del canone tv chi è residente all'estero, ma possiede un appartamento, con televisore, in Italia. E nemmeno chi possiede un televisore e lo utilizza come monitor per il pc o solo per vedere dvd e videocassette: in tal caso, l'abbonamento Rai dovrà essere pagato in quanto si è in possesso di un apparecchio che può captare il segnale televisivo. Per lo stesso motivo, il canone va pagato anche se non si vedono i canali Rai. Saranno, invece, esentati dal pagamento del canone tv per gli anni 2016, 2017 e 2018 i pensionati che abbiano già compiuto i 75 anni di età ed abbiano un reddito annuo che non superi gli 8 mila euro. La novità più importante della riforma del canone tv consiste nella presunzione che chi abbia un'utenza elettrica intestata debba possedere anche un apparecchio televisivo: in caso contrario è necessario presentare l'autocertificazione, ogni anno, di non possesso della tv. Sono infine esenti dal pagamento del canone i militari delle Forze armate e gli agenti del consolato e diplomatici accreditati dallo Stato italiano. #Canone Rai