Ancora deve essere recapitata a tutti e già ha sollecitato una miriade di polemiche, l'arrivo della bolletta dell'energia elettrica comprensiva di Canone Rai. Solo ieri, sono spuntate attraverso i social le prime testimonianze di chi, aprendo la fattura emessa dalle società di energia ha trovato l'aggiunta del Canone Rai, ovvero un addebito di ben 70 euro. La reazione degli utenti alla notizia, anche di quelli che ancora non hanno ancora ricevuto la fattura, è stata a dir poco rabbiosa ed in tanti hanno promesso di evadere la tassa poiché ritenuta ingiusta.

70 euro nella bolletta della luce

Anche se la materia del Canone Rai in bolletta è stata toccata in molte occasioni, purtroppo nessuno si aspettava che il conguaglio avvenisse per intero.

La maggior parte degli utenti, infatti, credevano di dover comunque pagare a rate la tassa sulla TV e quindi ricevere un'addebito di massimo 20 euro al mese. L'agenzia delle Entrate invece ha pensato di addebitare i mesi mancanti in una unica soluzione, ovvero ben 70 euro nella bolletta dell'energia di luglio.

Una vera ribellione contro il Canone Rai

La rabbia per la notizia dei 70 euro in bolletta ha buttato benzina sul fuoco ed in molti si stanno adoperando al fine di non pagare il Canone Rai, effettuando un versamento attraverso un bollettino postale in bianco a favore della società di energia, al fine di pagare i soli servizi elettrici ed eludere il pagamento della tassa.

Si può evitare di pagare?

I consumatori più agguerriti non si arrendo e sfidano il governo. L'imposizione di una tassa attraverso l'utenza elettrica è stata più volte definita anticostituzionale e quindi ingiusta.

I migliori video del giorno

Attraverso i social infatti, si leggono, oltre ai numerosi insulti e reclami a dir poco coloriti, le testimonianze di chi, al fine di avere conferme, ha contattato il proprio gestore di energia per chiedere se il pagamento dei costi dovuti per i consumi potessero essere pagati a parte e senza l'aggiunta del Canone Rai. La risposta, secondo quanto dichiarato attraverso i social, è stata semplice: "se pagate i consumi, noi non possiamo staccarvi l'utenza". Ovvio che chi Procederà in questo modo poi dovrà comunque fare i conti con l'Agenzia delle Entrate.