Bozza di modello e istruzioni per il 730 del 2017 sono già on line sul sito ufficiale del Fisco Italiano, agenziaentrate.gov.it. La versione del 730 resta sempre la stessa, la precompilata che negli ultimi due anni ha creato molteplici problemi e discussioni ma che orma è a pieno regime e quindi strutturale. Quando mancano ancora diversi mesi all’inizio della stagione reddituale, l’Agenzia ha già messo a disposizione dei contribuenti il modello di dichiarazione e le relative istruzioni. Ecco le novità più rilevanti con cui si avrà a che fare in sede di compilazione e presentazione della dichiarazione.

Nuove detrazioni

Le detrazioni, ma anche le deduzioni sono sempre argomento sensibile per i contribuenti quando si parla di dichiarazione dei redditi.

Spese da scaricare per abbassare gli importi di Irpef e addizionali da versare, o per ridurre la base imponibile sulla quale calcolare le stesse imposte sono molto importanti. Per la nuova stagione, nasce la detrazione per l’acquisto e messa in opera di dispositivi tecnologici [VIDEO]per il controllo di impianti di produzione di acqua calda, di riscaldamento e climatizzazione delle proprie unità abitative. Per le giovani coppie, quelle con uno dei due componenti sotto i 35 anni di età, nasce la detrazione mobili fino a 16.000 euro, purché l’acquisto dei mobili sia collegato a quello della prima casa da destinare ad abitazione principale della coppia stessa. Al via anche la detrazione per chi si munisce di apparati di sicurezza, come strumenti di videosorveglianza o l’utilizzo di istituti di vigilanza autorizzati.

I migliori video del giorno

Altre novità sostanziali

Lo hanno ribattezzato School Bonus, il credito di imposta a chi doni fino a 100.000 euro alla scuola italiana. Si tratta di poter scaricare il 65% di quanto donato per costruire nuove strutture, per migliorare quelle già presenti sul territorio o per provvedere a mettere in atto strumenti che migliorino la futura occupazione lavorativa degli attuali studenti. Per chi è alle prese con l’acquisto della casa per il proprio nucleo familiare, deve sapere che se l’acquisto ha avuto come oggetto una casa di qualità energetica di classe A o B, potrà scaricare il 50% dell’IVA spesa sull’acquisto. Sempre nel ramo donazioni, possibile scaricare le erogazioni liberali ai fondi speciali, sempre fino a 100.000 euro ma entro il 20% del reddito complessivo. Per i cervelli che rientrano a lavorare in Italia, scatta l’agevolazione fiscale che prevede l’abbattimento del 30% del reddito imponibile. In parole povere, uno di questi soggetti, dovrà pagare le tasse solo sul 70% del proprio reddito imponibile.

Nel modello nasce un nuovo rigo, quello per le case in leasing che devono compilare coloro che hanno una unità abitativa principale con contratto di locazione finanziaria, sulla quale chiedere la detrazione. Per coloro che avevano procedure di sfratto che poi sono state sospese, l’immobile torna a fare reddito e quindi torna ad essere obbligatorio l’inserimento nel quadro fabbricati. Non esiste più la destinazione del 2 per mille alle associazioni culturali e nasce nel frontespizio una nuova casella per chi è residente in Comuni che si sono fusi tra loro o che sono nati nel corso del 2016.