Il 16 gennaio è stato pubblicato online il #modello 730 per la dichiarazione dei redditi del 2016. L’#agenzia delle entrate ha provveduto a inserire sul web le istruzioni necessarie per poter comprendere tutte le novità di quest’anno.

Le istruzioni inserite dall’Agenzia delle Entrate contengono tutte le informazioni opportune per la corretta compilazione del modello e per la definizioni dei dati da riportare.

Vediamo quali sono le novità in arrivo dovute all’entrata in vigore delle nuove norme contenute nella Legge di Bilancio 2017 e nel decreto fiscale 193/2016.

Il modello per la dichiarazione dei redditi di lavoratori dipendenti e pensionati precompilata sarà a disposizione dal 15 aprile.

Si ricorda che il contribuente può comunque decidere di compilare il modello in forma cartacea.

Cosa cambia per i contribuenti che si avvalgono del modello 730 online 2017?

Innanzitutto il nuovo modello 730/2017 prevede nuove possibilità di detrazioni fiscali.

Si citano: l’agevolazione sui premi di risultato dei dipendenti del settore privato e il regime speciale previsto per i lavoratori rimpatriati. Inoltre si menzionano: agevolazioni previste dalla "legge dopo di noi", il bonus mobili per le coppie giovani, school bonus. Inoltre a chi lo scorso anno ha acquistato un’abitazione di classe energetica A o B è riconosciuta la detrazione del 50% dell’Iva pagata nel 2016

Si deve ricordare inoltre che si avrà più tempo a disposizione per poter presentare il modello di dichiarazione dei redditi.

I migliori video del giorno

Cambiano infatti le scadenze.

I contribuenti che si avvalgono dei servizi online per la presentazione della dichiarazione dei redditi potranno beneficiare di un maggior numero di giorni. La scadenza passa infatti dal 7 al 23 luglio 2017.

Nessuna variazione nel caso in cui i modelli 730/2017 vengano inviati tramite Caf o commercialisti, nel qual caso restano le normali tempistiche. Possibile una deroga con posticipo al 23 luglio sono qualora siano state inviate entro il 7 luglio all’Agenzia delle Entrate almeno l’80% delle dichiarazioni dei redditi.

Infine vengono predisposte nuove modalità per la richiesta dei rimborsi. #fisco