Dal 18 aprile è partita la corsa verso la dichiarazione del 730 precompilato 2017. Il tutto si svolge online sul sito dell'Agenzia delle Entrate e come gli scorsi anni la domanda riguarda milioni di contribuenti che si trovano così a dover scaricare la loro Dichiarazione dei redditi. Ma quali sono le spese detraibili e che dunque si possono scaricare? Vediamo tutte le agevolazioni previste con il nuovo 730 precompilato 2017.

Le spese scaricabili con il 730 precompilato 2017

Cominciamo con le spese mediche che come ogni anno appaiono all'interno della dichiarazione dei redditi. Si tratta di tutte le spese per le cure che il contribuente sostiene per se stesso e per la propria famiglia.

Qui non rientrano soltanto i farmaci ma anche le spese sanitarie, le spese presso psicologi ma anche infermieri ed ostetriche ed ancora i trattamenti di mesoterapia, cure termali, e prestazioni chiropratiche. Anche le persone con disabilità godono delle agevolazioni per spese sanitarie. Ad esempio, si possono scaricare nel 730 precompilato anche le spese sostenute per l'acquisto di una bicicletta elettrica con pedalata assistita o l'acquisto di cucine con attrezzi meccanici per facilitare il controllo dell'ambiente e l'uso da parte del disabile.

Tra le spese da detrarre per i figli rientrano quelle scolastiche e dunque gite, mense e simili. Molto ampio è il quadro di detrazioni per tutti coloro che hanno effettuato delle ristrutturazioni a casa o che hanno acquistato dei mobili e elettrodomestici oppure chi gode dell'ecobonus. La detrazione fiscale al 65 per cento per coloro che hanno eseguito dei lavori di ammodernamento energetico.

I migliori video del giorno

Nel 730 precompilato 2017 rientrano ovviamente anche le detrazioni per mutui, premi assicurativi, contributi previdenziali, spese universitarie, interessi passivi, erogazioni a partiti.

Modalità di presentazione e tempistiche

Come presentare la propria dichiarazione? Innanzitutto si può fare direttamente presso il sito internet dell'Agenzia delle Entrate inserendo i propri dati per l'accesso. In secondo luogo la dichiarazione può essere presentata tramite un Caf o professionisti che sono iscritti all'albo dei commercialisti o esperti contabili. Si può fare anche presso il proprio datore di lavoro se questi, entro il 15 gennaio, ha dichiarato di prestare assistenza fiscale. Se ci si rivolge al CAF il termine di presentazione scade il 7 luglio. Al contrario chi deciderà di presentarlo online dovrà farlo entro il 24 luglio.