Entro venerdì 16 giugno 2017 dovrà essere pagata la prima rata dell'acconto dell'imu e della Tasi per l'anno in corso. Si dovranno applicare le aliquote e i meccanismi di calcolo che erano già stati adottati nello scorso anno, ovvero per il pagamento delle due imposte nel 2016. Se i contribuenti non dovessero registrare cambiamenti nel proprio patrimonio immobiliare, occorrerà versare il 50 per cento di quanto pagato, complessivamente, nel 2016. Tuttavia, non tutti i proprietari di beni immobili oppure i titolari dei diritti reali sono tenuti al pagamento dell'Imu e della Tasi del 2017. Leggiamo, nel dettaglio, quali categorie sono obbligate al pagamento entro il 16 giugno.

Scadenza tasse Imu e Tasi 2017: chi dovrà pagare e calcolo di quanto è l'imposta

Non dovrannno pagare la Tasi e l'Imu 2017 i proprietari delle abitazioni principali e le relative pertinenze. L'esenzione da Imu e Tasi persiste anche per le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, che siano state adibite a principale abitazione e le relative pertinenze dei soci che siano assegnatari. Sono comprese nell'esenzione anche i titolari degli alloggi assegnati dall'Istituto Autonomo delle Case Popolari (Iacp) oppure quelli in edilizia residenziale. L'esenzione non vale, invece, per le abitazioni che siano accatastate come A1, A8 oppure A9. Sul sito internet delle amministrazioni comunali è possibile procedere con il calcolo guidato dell'Imu e della Tasi 2017 immettendo i dati relativi al comune dove è ubicato l'immobile, la tipologia dell'immobile, la rendita catastale, la percentuale e i mesi di possesso nell'anno, l'aliquota dell'Imu e le eventuali detrazioni Tasi.

Pagamento Tasi e Imu 2017: modelli da usare, come si versa e codici tributi delle 2 tasse

Il versamento dell'Imu e della Tasi 2017 entro la scadenza del 16 giugno si potrà effettuare attraverso il modello F24 oppure utilizzando il bollettino postale. Per la compilazione del modello occorreranno i codici tributo che riepiloghiamo di seguito iniziando da quelli relativi all'Imu:

  • per le abitazioni principali (A-1, A-8 e A9) il codice tributo è 3912;
  • per i fabbricati che siano diversi da quelli relativi alla categoria D si dovrà usare il codice 3918;
  • per le aree fabbricabili è 3916;
  • sui terreni dovrà essere applicato il codice 3914.

Per la Tasi 2017 i codici tributo sono i seguenti:

  • per le abitazioni principali il codice tributo è 3958;
  • per le arre fabbricabili 3960;
  • per gli altri fabricati 3961.