Il web è, come dice il nome stesso, una rete, in questo caso di dati, connessioni e quant'altro, virtuale e dalle dimensioni globali, che interessa oramai la vita di ogni persona o quasi, anche dei più refrattari ad abbandonarsi alla Tecnologia. Inoltre il web è anche oramai un luogo dove creare e fare circolare denaro e valore aggiunto. A tal proposito esiste un interessante rapporto, formato da numerose slide piene di dati, chiamato "State of the Internet 2014", che analizza e descrive le ultime tendenze generali di questo mondo parallelo che è il web.

La notizia è riportata da "Internazionale" nella sue edizione on line.

Il primo dato fondamentale potrebbe essere uno sorprendente: infatti nell'ultimo anno la diffusione di internet a livello globale è rallentata rispetto l'anno precedente. Ciò che invece non sembra affatto intenzionato a rallentare la sua corsa è il mondo degli smartphone e dei tablet, la cui vendita e il relativo traffico su di essi è in costante aumento. Con i video che la fanno da padrone, come contenuti scaricati. Anche le famose applicazioni a pagamento vivono un momento di grande forma e la loro diffusione a livello di contenuti aumenta, mentre la pubblicità sugli smartphone, specie in Italia, non è ancora approdata in maniera massiccia.

Il 2013 è stato poi l'anno delle foto: le applicazioni che riguardavano questo ambito e la possibilità ovviamente di condividerle col mondo hanno perciò avuto un enorme successo, tant'è che lo stesso Facebook ha proceduto all'acquisizione di WhatsApp.

Invece chi sembra oramai destinata ad una fine lenta ma inesorabile è proprio il mezzo da più tempo a disposizione dell'uomo per trasmettere e immagazzinare sapere e conoscenza: la carta.

Come sappiamo la lettura di libri, giornali e riviste è in calo da tempo, mentre si è calcolato che un americano medio guarda il suo telefono circa 150 volte al giorno per 15 secondo di media. Per un totale di 40 minuti. Tempo prezioso che potrebbe essere invece impiegato per una passeggiata all'aria aperta, per parlare con qualcuno di caro, o per leggere qualche capitolo di un buon libro.