Alla clinica ospedaliera "Mayo Clinic" da qualche mese, a tutte le pazienti cui viene diagnosticato un tumore al seno, assieme alle prescrizioni mediche e degli esami da effettuare viene data una App!

Una applicazione per Apple iPad, per essere precisi. È stata appositamente sviluppata per aiutare le donne durante il loro percorso nella lotta alla malattia, che può spesso lasciare spiazzate e disorientate alcune donne.

Perchè una App?

Molte donne, dopo la diagnosi di tumore al seno, si rivolgono ad internet per cercare di approfondire le loro conoscenze sulla malattia.

Pubblicità
Pubblicità

A volte non si fidano di cosa dicono i medici, a volte vogliono solo capire meglio cosa sta succedendo nel loro corpo; tuttavia il ricorso alla grande fonte di informazioni che è il web può spesso rivelarsi un'arma a doppio taglio. È facile rimanere confusi dalla grande mole di dati cui si può accedere, ed alle persone comuni mancano le conoscenze mediche approfondite per poter discriminare tra fonti attendibili e vere e proprie bufale, che possono rivelarsi anche pericolose.

Non perdere le ultime notizie!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa di più oppure scopri qui tutti i Canali. Ti terremo aggiornato sulle novità che non puoi perderti!
Apple

La dottoressa Sandhya Pruthi, della Mayo Clinic, afferma, come riportato dal sito "TheCarilon" e dal giornale Winnipeg Free Press, che l'utilizzo della loro app è più utile rispetto alle ricerche autonome effettuate su internet.

La nuova applicazione include informazioni riguardo la malattia e schede tecniche del personale dell'ospedale che le pazienti potrebbero incontrare durante il loro nuovo percorso. Grazie a queste informazioni l'app guida le malate di tumore al seno durante tutto il percorso diagnostico e terapeutico a cui andranno incontro.

Pubblicità

Da notare, inoltre, che l'ospedale presta gratuitamente un iPad ad ogni nuova paziente con la propria app già installata sul dispositivo, dando una mano anche a chi non possiede un tablet o a chi non può permettersene uno. "Più di 90 donne, a partire dallo scorso 6 aprile, hanno già ricevuto il nostro iPad, e ad ogni nuova paziente ne viene dato uno", ha dichiarato la dottoressa Pruthi. Non ci resta che sperare che la diffusione di applicazioni personalizzate (e gratuite) in base alle esigenze di ogni paziente e dell'ospedale in cui vengono curati, prenda piede anche nel nostro paese.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto