A quanto pare il Made in Italy non si smentisce e ancora una volta dà prova delle capacità rivoluzionarie che sa dedicare alla scienza e alla tecnologia. L'ultima notizia arriva quindi da un'azienda italiana e si tratta di un carburante biologico ricavato dai semi del tabacco che sarebbe in grado di far volare un aereo. Uno dei grandi vantaggi di questa eccellente invenzione, permetterebbe il volo degli aerei senza inquinare, com'è accaduto finora (fattore di cui si è sempre discusso da quando nei cieli è comparsa la strana scia dietro la coda degli aerei, dovuta alla condensazione del vapore acqueo al suo passaggio), a causa del cherosene o della benzina avio (Avgas 100LL), contenente un alto numero di ottani rispetto alla benzina che si utilizza nei comuni motori.

La scoperta intelligente

Questo surrogato biologico che potrebbe andare a sostituire l'obsoleta fonte di propulsione aerea, è nato grazie all'azienda italiana Sunchem in collaborazione con la SAA (South African Airwais), per produrre energie biologiche rinnovabili grazie a un 'comune' seme del tabacco. Questa pianta non avrebbe avuto modifiche OGM e prende il nome di Solaris, non contiene nicotina, il suo seme si compone di olio per il 40% e permetterebbe un ricavo dalla sua spremitura, di circa un 34% di prodotto grezzo.

Questa azienda italiana guidata da Carlo Ghilardi, ha sede ad Arma di Taggia in un piccolo paese della Liguria e insieme alla South African Airwais, Rsb, SkyNrg e Boeing, s'è prefissata di sperimentare il biocarburante prodotto dalseme del tabacco, per far volare un mezzo della compagnia SAA sul corridoio aereo che va da Johannersburg (capoluogo della provincia di Gauteng), a Città del Capo (entrambe appartenenti allo stato del Sudafrica).

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Ambiente

Storia del brevetto Solaris

Grazie anche ai ricercatori dell'Università Cattolica di Piacenza, che hanno permesso la nascita nel 2007 del brevetto Solaris, creato il primo semedel tabacco cinque anni fa, nel 2011 è avvenuta tra la società Sunchen Holding italiana e la SSA sudafricana questa incredibile collaborazione, che si prefissa l'obbiettivo di coltivare 250 mila ettari di terreno, impegnando le proprietà del Sudafrica e quelle di Namibia.

L'immensa coltivazione sarà destinata esclusivamente alla produzione del prodotto primario utile alla spremitura delbiocarburante, che farà volare gli aerei della compagnia sudafricana. Il progetto, oltre che avere un immenso impatto ambientale, avrà necessità di occupare una forza lavorativa di oltre 150 mila persone e alimenterà con il tabaccola produzione di energia elettrica rinnovabile utile a rendere autonomi interi villaggi.

Benvenuta tecnologia Made in Italy.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto