La Walt Disney, secondo l'agenzia di stampa americana Bloomberg, ha ingaggiato un consulente per valutare una possibile proposta da mettere sul piatto della compagnia di San Francisco che è ufficialmente in vendita. In questo modo la multinazionale, famosa per i film d'animazione, si unisce ad altri gruppi interessati all'acquisizione di Twitter come Google e Salesforce. 

Gli effetti della Disney su Twitter

L'acquisizione da parte della Disney permetterebbe al social azzurro, innanzitutto, di avanzare nel progetto d'introdurre la possibilità per i suoi utenti di poter effettuare le dirette streaming, seguendo le orme di Facebook; la Disney d'altro canto entrerebbe in un settore in cui ancora è poco presente ossia quello dei media.

Il gruppo di Burbank è in netto vantaggio rispetto alle concorrenti citate sopra poiché Jack Dorsey, fondatore e amministratore delegato di Twitter, fa parte del consiglio d'amministrazione della Disney da ormai tre anni. I rumors riguardo la probabile vendita hanno fatto innalzare le azioni del social network del 20% la scorsa settimana a Wall Street, anche in virtù del valore attuale della compagnia cinematografica che attualmente si attesta sui 150 mila milioni di dollari contro gli 'appena' sedicimila di Twitter.

Il declino e la necessità di vendere

Prima del boom di venerdì scorso, il social di San Francisco aveva perso il 19% del suo valore smettendo di essere la compagnia brillante che nel novembre 2013 fu protagonista di uno dei lanci in Borsa più spettacolari degli ultimi anni. I problemi sono cominciati nel luglio 2015, quando l'amministratore delegato Dick Costolo ha abbandonato la 'barca' e al suo posto è subentrato il fondatore Jack Dorsey, quest'ultimo con parecchie critiche poiché in quel periodo era impegnato nella crescita di un'altra sua società in Borsa (Square) e gli si contestava il fatto di non poter riuscire a gestire due imprese contemporaneamente.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Google Tecnologia

Dorsey, appena preso il comando, ha promesso di voler dare una svolta nelle strategie della compagnia ma nel secondo trimestre dell'anno in corso, Twitter è riuscito a fatturare 602 milioni di dollari che risulta il più basso incremento di entrate della società dal suo ingresso a Wall Street e i dati, per gli analisti, continueranno a deludere gli investitori a meno che il gruppo californiano inizi a seguire un modello di crescita che migliori la sua redditività e gli permetta di accrescere i guadagni.

Perciò la proposta della Disney rappresenta una sorta di ciambella di salvataggio affinché il social network con l'uccellino non vada verso il fallimento.                                                                                      

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto