Arriva anche sulle nuove console, dopo essere passato attraverso Xbox360 e prime versioni della Playstation, la saga di Ace Combat, il gioco che ha origini dalla Playstation 1 ed è sviluppato da Namco per PlayStation 4, pc e Xbox One, disponibile sul mercato dal 18 gennaio 2019 per console, mentre dal 1º febbraio arriverà su pc.

Pubblicità
Pubblicità

Grafica eccezionale

Su PlayStation 4 il gioco presenta anche funzionalità di realtà virtuale, tramite PlayStation VR. Ace Combat 7 è il primo della serie a sfruttare il motore grafico Unreal Engine 4 e utilizza la tecnologia true SKY per la renderizzazione delle nuvole; il gioco cavalca l'onda dei precedenti titoli per Xbox360, ma con grafica e "giocabilità" migliorata.

Buona la longevità, con una serie di missioni tutte diverse, trama in linea per la tipologia di gioco, anche se non avremo a che fare con un simulatore di volo, dettaglio che i fan del genere devono sapere fin da ora.

Ace Combat 7 disponibile su console e pc.
Ace Combat 7 disponibile su console e pc.

La trama con sottotitoli in italiano ci porterà in un mondo inventato e situato nel 2040, dove dovremmo lottare tra i cieli contro aerei nemici e droni di tutti i tipi e dove avremo la possibilità di scegliere vari tipi di aerei e armi, più o meno sofisticati.

Molto bello il fatto che cambi la situazione metereologica: si è testato e giocato alla versione su Xbox One ma tramite la demo Ps4 abbiamo usato anche la versione PsVr, ed è qualcosa di eccezionale dal punto di vista reale.

Pubblicità

Al giocatore sembrerà di stare dentro un F-16 e di guidare in mezzo ai cieli, ma attenzione: i deboli di stomaco e chi non è abituato si potrebbe sentire male.

L'esperienza VR non offre nessun'altra personalizzazione: nessuna modifica ai controlli o ad altro per migliorare il modo di guida al volo. L'unica esperienza reale che si può provare con il Vr in testa sarà la virata alle manovre, attraverso il pad del Ps4 che fa bene il suo lavoro. Come già detto a livello grafico è qualcosa di mai visto per il genere e anche le musiche sono ben curate, quindi chi volesse essere il nuovo Maverick di Top Gun, prenda in mano al pad e parta con uno dei giochi di aerei meglio riuscito fino ad ora, sperando che altri giochi del genere di guida o i vari simulatori possano prendere esempio da quello che sembra ormai il futuro dei videogiochi, fatta di grafica iper reale e sensazioni sempre più vere grazie anche ai vari supporti come la realtà virtuale, che sicuramente saranno sviluppate ancora meglio sulle prossime console di nuova generazione come PlayStation 5 o Xbox Scarlet.

Leggi tutto