Pino Insegno non condurrà più Reazione a Catena. Il presentatore, amareggiato e incredulo, si sfoga su Facebook domandandosi coma mai dopo quattro anni di successi è stato cacciato così. Insegno è stato sostituito da Amadeus, il quale aveva lasciato la Rai perché non si sentiva apprezzato, voleva di più, voleva condurre prime serate ma oggi si dice pentito della sua scelta dato che per otto anni ha lavorato poco e collezionato molti insuccessi.

L'ex componente della Premiata Ditta, Pino Insegno, a un giornalista che gli poneva delle domande sulla sua sostituzine ha detto che non avrebbe fatto polemica anche se sarebbe stata l'unica cosa da fare: "Conosci un modo elegante per mandare a quel paese qualcuno? Non si può, dai.

Ti levano una casa e tu cerchi una maniera pacata per protestare? No, non ci riesco. Non mi far parlare".

Si capisce da queste parole quanto l'attore e doppiatore sia arrabbiato e deluso per essere stato allontanato così da un programma che ha portato al successo. Anche sui social network i fan di Insegno manifestano solidarietà all'uomo e si dichiarano poco entusiasti della sostituzione. C'è chi dice che non seguirà più il programma Reazione a Catena e chi si domanda perchè abbiano scelto Amadeus che è di una noia mortale e che ha fatto flop con molti programmi, mai andati in onda per giunta.

Reazione a catena è iniziata domenica sera, 1 giugno, alle 18:50 su Rai uno, non ci resta che attendere per vedere se Amadeus riuscirà a mantenere gli stessi risultati positivi che Pino Insegno garantiva.

#Televisione