Venerdì 5 settembre tornerà in onda in prima serata su Rete4 uno dei programmi più amati e seguiti dal pubblico della rete. Partiamo di Quarto Grado, il programma dedicato ai casi di cronaca nera irrisolti condotto da Gianluigi Nuzzi e Alessandra Viero, giunto alla sua sesta stagione di messa in onda. Le anticipazioni ufficiali riguardo la prima puntata di Quarto Grado del 5 settembre, sono state rivelate dal conduttore Gianluigi Nuzzi nel corso di un'intervista rilasciata al settimanale Telepiù: ecco nel dettaglio tutte le novità.

Anticipazioni Quarto grado, prima puntata del 5 settembre: novità sul delitto di Yara Gambirasio

Prima di vedere i casi che verranno affrontati nel corso della prima puntata di Quarto Grado, vi sveliamo le prime anticipazioni generali del programma di Rete4, che quest'anno potrà contare su uno studio completamente rinnovato e diviso in due: una parte dedicata alla scienza e una dedicata al talk in studio, dove verranno intervistati i protagonisti delle storie di cronaca nera.

Le anticipazioni riguardo la prima puntata di Quarto Grado del 5 settembre 2014 rivelano che la puntata sarà dedicata in parte alle ultime news sul delitto di Yara Gambirasio, la ragazzina di Brembate di Sopra, morta nel novembre del 2010. Nel corso della puntata si cercherà di far luce sulla posizione di Massimo Giuseppe Bossetti, il presunto killer di Yara Gambirasio, che da oltre due mesi si trova rinchiuso nel carcere di Bergamo. A Quarto Grado si cercherà di ripercorrere la vicenda di Yara attraverso filmati e ricostruzioni realizzate dagli inviati della trasmissione. Nel corso della prima puntata di Quarto Grado del 5 settembre si tornerà a parlare anche del caso misterioso della scomparsa di Roberta Ragusa, di cui si sono perse completamente le tracce da oltre due anni e mezzo. Le indagini sono state definitivamente chiuse e nei prossimi mesi si attende la risposta del giudice riguardo il marito della Ragusa, Antonio Logli, accusato di omicidio e occultamento di cadavere.

I migliori video del giorno

Novità anche sul caso di Elena Ceste.