Il sesto senso è una pellicola thriller che uscì nel 1999 ed ebbe un ottimo riscontro sia nel pubblico che nella critica. La storia parla di uno psichiatra infantile interpretato da un intenso Bruce Willis, che sta rompendo con sua moglie e prende in carico il caso di un bambino con disturbi psichici ma anche strani poteri: riesce a vedere e parlare con i morti. Il film è coinvolgente, con diversi momenti che sfiorano il genere horror, fino al colpo di scena finale. A interpretare il bambino era Haley Joel Osment, all'epoca appena undicenne, che, col suo visino dolce e rattristito ha commosso e coinvolto i più. Prometteva bene Osment, sebbene anche per lui, come per tante altre stelle del Cinema, occorre porsi la solita domanda: "che fine ha fatto?".

Il suo nome non sembra proprio essere affiancato ad altri film di spessore. Allora vediamo cosa fa e com'è oggi.

Intravisto a una premier a New York

A rinfrescarci la memoria è stata la sua apparizione a una premier a New York, pescato dal portale dedito al Gossip Di Lei presumibilmente per una pellicola che lo vede nel cast. Oggi Haley ha 26 anni e non si mostra proprio un sex symbol: il viso è sempre quello, pacioccone e simpatico, un po' sovrappeso. Insomma, ha mantenuto quella simpatia non diventando un figaccione come accaduto ad altri enfant prodige di Hollywood.

La sua carriera cinematografica è iniziata prima de Il sesto senso, con Bogus, l'amico immaginario del 1996. Poi Il mistero del lago, due anni dopo. Dopo il successo con Il sesto senso, ha proseguito la carriera con film come Un sogno per domani, L'ultimo treno e il discreto successo di A.I. Intelligenza artificiale.

I migliori video del giorno

Dopo seguirono film poco esaltanti, come Abominable, Sassy Pants, Wake the dead, Alpha House, I'll Follow You Down, The spoils of Babylon, ed altri successivi tra commedie e fantascienze neppure giunte in Italia. Ora, come riporta Mymovies, è impegnato nelle riprese dell'Horror Anti-Claus, della Commedia Yoga Hosers e di Entourage - Il Film, trasposizione cinematografica di una serie televisiva. Gli ridaranno slancio? Vedremo. Intanto noi lo ricorderemo sempre per la frase detta col broncio a Bruce Willis "Vedo la gente morta…", che oggi gira con varie parodie sui social.