The X Factor è un Talent show televisivo ideato da Simon Cowell, in onda dal 2004 sulla rete televisiva ITV. Il programma viene trasmesso anche in Italia dal 2008, con le prime quattro edizioni andate in onda su Rai 2, mentre dal 2011 il programma va in onda su Sky Uno e lo farà almeno fino alla stagione 2018. L'avvicendamento è dovuto a questione di costi, ritenuti eccessivi per la Rai. Il Talent prevede una gara ad eliminazione tra talenti canori divisi in tre categorie, in base alle fasce d'età. Ciascuna categoria viene guidata da una personalità della musica o dell'industria discografica che ricopre il ruolo di giudice. In Italia i giudici della presente edizione sono: il frontman degli Elio e le storie tese, Elio; la popstar britannica Mika; il rapper Fedez; l'ex frontman degli Skunk Anansie Skin.

Il programma, che va in onda in tanti altri Paesi, punta a sfornare nuovi talenti da lanciare nel mondo della discografia. Ma un potenziale talento ci ha lasciati a soli 19 anni. Scopriamo la sua triste storia.

Nathaniel O'Brien morto in un incidente d'auto

È quanto accaduto, purtroppo, a Nathaniel O'Brien, ex star 19enne dell'edizione X-Factor Australia andata in onda la scorsa stagione. Nathaniel è deceduto in un incidente d'auto mentre si recava verso la città di Adelaide di ritorno proprio da un'esibizione. La sua auto è impattata contro un albero, ma la dinamica dell'incidente deve ancora essere chiarita. Le sue pagine Social sono state ovviamente inondate di commenti da parte dei suoi numerosi fan, a dispetto dell'età. Tra chi lo ricorda per il proprio talento e chi ha voluto esprimere il proprio cordoglio con un pensiero alla famiglia.

I migliori video del giorno

Il giovane non ha vinto l'edizione 2014, ma si era fatto valere durante il boot camp, vincendo la sfida con l'ospite Natalie Bassingthwaighte. Tre anni fa, invece, ha vinto la prestigiosa kermesse locale canora Adelaide's Next Superstar, avendo solo sedici anni. Manifestazione che lo ha lanciato nel mondo della musica.

Il giovane Nathaniel si aggiunge così, proprio come quella stella che sperava di diventare, al cielo formato dai tanti talenti musicali morti prematuramente.