Doveva essere l’evento della stagione televisiva, invece Nemica amatissima, il costosissimo varietà che vedeva il ritorno in tv di Heather Parisi e Lorella Cuccarini, per la prima volta insieme, non ha incuriosito più di tanto gli spettatori, registrando ascolti mediocri (la seconda puntata è scesa dal 20,4% al 17,5% di share) e soprattutto una scia polemica che ha ancora di più evidenziato l'insuccesso della trasmissione.

La polemica di Heather

Infatti Heather Parisi ha scritto un lungo post sul suo blog, nelle intenzioni un ringraziamento ai fan e agli spettatori, che però si è trasformato in un atto di accusa contro autori, produzione e, anche se più velatamente, la sua compagna di viaggio.

La ballerina parte raccontando le grandi aspettative che aveva su Nemica Amatissima, inizialmente immaginato come un Saturday Night Live al femminile con sketch, ospiti internazionali e tanta musica: un modo ironico e moderno di ripercorrere la storia delle due protagoniste della tv. Ma, al suo arrivo in Italia, la Parisi si è vista sin da subito bocciare tutte quelle idee che l’avevano portata ad accettare il ritorno sulle scene. La risposta era sempre la stessa: “Facciamo Televisione di successo da 20 anni e sappiamo bene cosa funziona e cosa no”.

Scintille con la rivale

Ma quello che ha infastidito di più Heather è stato il constatare una disparità di trattamento: infatti pare che le richieste di Lorella Cuccarini siano state tutte esaudite. Ma non basta: la ballerina denuncia come le parti a lei affidate siano state vistosamente tagliate in fase di montaggio, a differenza di quelle della rivale, conservate quasi integre.

La Parisi elenca minuziosamente i cambiamenti più importanti: addirittura il suo balletto di apertura Stop the Fight Disco Bambina è stato ridotto di 30 secondi su tre minuti di durata, sono scomparsi diversi sketch, un’intervista è stata amputata e, perfino il monologo sull’età delle donne, per molti critici uno dei rarissimi momenti riusciti della trasmissione, è stato sforbiciato. Ridotti al minimo anche i duetti tra le showgirl, inizialmente previsti.

L’attacco alla 'scuderia' Presta

Heather Parisi è un fiume in piena: accusa autori e produzione del programma, che col loro modo di fare avrebbero dimostrato scarso rispetto per il lavoro svolto e per il pubblico, in nome di evidenti convenienze di scuderia. E qui appare chiaro il riferimento a Lucio Presta, il potente agente della Cuccarini e di molti ospiti intervenuti nelle due serate, che, secondo la Parisi, avrebbe condizionato l’intero programma fino a ridurla quasi al ruolo di ospite internazionale in un varietà della Cuccarini.

Pare che Heather abbia espresso questo rammarico davanti al pubblico durante la registrazione; ma anche questa frecciata alla compagna di lavoro è scomparsa nel montaggio. Infine la Parisi ammette di non temere le inevitabili ritorsioni per queste parole di fuoco, perché ormai al di fuori dal mondo dello spettacolo in Italia. E conclude con il rammarico e la delusione per uno spettacolo molto diverso da quello che aveva immaginato e nel quale non si è sentita libera di esprimersi.